Test SBK Australia 2015, day 1: Alex Lowes vola in testa, Giugliano… a terra

Recap della prima delle due giornate di test ufficiali del Mondiale Superbike a Phillip Island 2015, antipasto dell'avvio ufficiale previsto per giovedì

da , il

    Si è conclusa oggi la prima delle due giornate di test ufficiali del Mondiale Superbike 2015 sullo splendido tracciato australiano di Phillip Island in Australia, antipasto di quello che vedremo da venerdì con le prime prove libere per chiudere domenica con le due gare nella notte italiana tra sabato e domenica. Volti nuovi, volti conosciuti e cambi di team per questo mondiale dal sapore nuovo ma con un leggero retrogusto di passato (con il regolamento di quest’anno si vuole guardare un po’ al passato con moto più “vicine” alla produzione di serie).

    I risultati dei test

    giugliano ai box

    Al termine della prima giornata troviamo in testa per somma dei tempi la Suzuki di Alex Lowes, capace di fermare il cronometro sul tempo di 1’31″332. Un gran balzo per il pilota inglese che nella sessione del mattino aveva fatto segnare un 1’32″806. Dietro alla Suzuki di Lowes troviamo una Kawasaki, non quella di Sykes, ma bensì quella del suo compagno Rea, capace di prendersi il miglior tempo della prima sessione e chiudere secondo dietro a Lowes nel combinato con 1’31″663. Terzo tempo assoluto per la prima Aprilia Red Devils, quella di Leon Haslam che fissa il crono sul 1’31″692 a meno di 30 millesimi da Rea.

    [sondaggio id="463"]

    Al quarto posto Tom Sykes con un 1’31″753, migliore rispetto al 1’31″761 fatto segnare nella sessione del mattino, poi Torres quinto e Giugliano sesto. Proprio Giugliano è stato autore di un violento high side alla curva 11 (quella per intenderci subito dopo il secondo tornantino) che lo ha costretto a pagare una visitina al centro medico del tracciato per una TAC. Il pilota Ducati ha comunque fatto segnare un 1’31″948 come suo best time di giornata. Dietro Giugliano il suo compagno di squadra Davies con 1’32″114 a precedere De Puniet (1’32″402 fatto segnare al mattino), Van Der Mark e Terol decimo assoluto. Si rivede in pista Guintoli dopo il brutto botto rimediato ad Jerez (ricordiamo stiramento del rachide cervicale e brutta botta alla caviglia destra): per lui solo un 12° posto ad oltre 1″5 da Lowes. Ricordiamo però che Guintoli è ancora convalescente e non è al meglio ma ha voluto comunque presentarsi per la prima della stagione. Dopo Terol troviamo nell’ordine: Salom, Camier, Guintoli appunto, Canepa bravissimo al debutto con la EBR, Baiocco, Barrier, Mercado, Metcher, Ramos, Walters, Pegram, Barragan, Rizmayer, Ponsson e Toth.

    Domani si replica con ancora due sessioni per la seconda ed ultima giornata di test ufficiali. Un po’ di relax per i piloti prima di tornare in pista il venerdì per i primi turni di prove libere e lì sapremo chi ha lavorato meglio degli altri durante l’inverno.