Test Sepang MotoGP: quando è l’ “outsider” ad avere la meglio. Randy, meteora o nuova promessa?

Test Sepang MotoGP: quando è l' "outsider" ad avere la meglio

da , il

    Randy de Puniet

    Che cosa si fa quando, in mezzo ad un manipolo di favoriti, è l’ outsider a strappare la vittoria?

    Se consideriamo, poi, che Randy de Puniet non era neppure nella lista dei possibili outsider, c’è da rimanere ancora più sorpresi.

    In positivo, ovviamente!

    Così, mentre il mondo della MotoGP si concentrava su Dovizioso, De Angelis, Lorenzo, e i soliti big, il francese tutto muscoli e savoir faire lascia la sua zampata per due volte su due.

    Un en plein che ha lasciato a bocca asciutta i centauri più quotati e sorpreso i big boss delle scuderie.

    Un’altra giornata positiva per me e la squadra. – ha detto Randy alla fine della seconda giornata di test sulla pista malese di Sepang Abbiamo proseguito il nostro lavoro di messa a punto della nuova moto e, come anticipato ieri, abbiamo fatto una simulazione di gara con ottimi risultati. Giravo con un buon ritmo e, visto che si tratta della prima simulazione con questa moto, sono molto soddisfatto. Tuttavia ci sono ancora alcuni aspetti da migliorare specialmente con i pneumatici da qualifica. So che posso essere più veloce e domani, in collaborazione con Michelin, proveremo tre nuove coperture morbide posteriori ed una anteriore. Unico inconveniente della giornata è stata la mia caduta nel pomeriggio all’inizio della simulazione di gara; ne sono uscito illeso e ho proseguito con successo il mio programma di lavoro.

    Parole che vanno a confermare il giudizio più che positivo di ieri: “Che dire, come inizio non c’è male, sono davvero soddisfatto di questa prestazione perchè non abbiamo puntato al tempo a sensazione. Rispetto a novembre ho migliorato i miei riferimenti sul giro di 1″2. Questo è merito del nuovo telaio che mi dà una maggiore confidenza in ingresso curva, ma è anche per il feeling che migliora pian piano con la moto. Parlando sempre del telaio, non ho notato altre differenze rispetto al precedente, però si sfrutta meglio ed è più vicino al mio stile di guida. Oggi ho provato anche diverse gomme Michelin, e spero domani di proseguire su questo trend: in programma abbiamo una simulazione di gara, fondamentale per noi per capire a che punto siamo sul passo“.

    Nulla da aggiungere. Una sola domanda: “Randy, fuoco di paglia o braciere destinato a durare?