Toro Rosso: piloti già sotto pressione

Toro Rosso: piloti già sotto pressione

Formula 1: i piloti della Toro Rosso già cominciano a sentire la pressione

da in Daniel Ricciardo, Formula 1 2017, Jaime Alguersuari, Red Bull F1, Sebastien Buemi, Toro Rosso F1
Ultimo aggiornamento:

    vergne - toro rosso- f1 2012

    Per Jean-Eric Vergne e Daniel Ricciardo, piloti titolari della Toro Rosso nella stagione 2012 di Formula 1, sono bastati appena quattro Gran Premi per vedere affiorare i fantasmi dei loro predecessori: ricordate Sebastien Buemi e Jaime Alguersuari? Non vogliamo raccontarvi che il francese e l’australiano siano in bilico. Tutt’altro. Il rischio e la pressione alla quale sono sottoposti riguarda lo scomodo precedente. Lo svizzero e lo spagnolo si sono fatti la guerra per mesi con il sogno di poter aspirare alla promozione in Red Bull. La loro lotta intestina, sommata a prestazioni non brillanti, invece, li ha portati brutalmente fuori dal Circus iridato. Ora Buemi è fa la riserva a Vettel e Webber mentre Alguersuari è semplice collaudatore Pirelli. Vergne e Ricciardo sanno che dovranno impegnarsi molto per evitare un destino analogo.

    Vergne: “Non penso alla Red Bull”

    Jean-Eric Vergne ha nel curriculum appena la vittoria della F3 britannica nel 2010 ed un secondo posto finale nel campionato Formula Renault 3.5 del 2011. Da lì è arrivato direttamente il salto in Formula 1. La poca esperienza del francese non si nota. E questo è un bene. Il male è che ora possa illudersi di poter bruciare le tappe sebbene ne abbia tutto il diritto. E’ pressoché scontato che toccherà ad uno tra lui e Ricciardo occupare il primo sedile libero in Red Bull. Lo ha confermato Chris Horner:“Avete visto cosa abbiamo fatto con Sebastian Vettel. Abbiamo un ottimo programma per giovani piloti per cui non avrebbe alcun senso andare a cercare dei nomi all’esterno”. E’ stata questa consapevolezza che ha caricato di troppa pressione Buemi e Alguersuari.

    Vergne dichiara di non pensarci:“Molte persone credono che stia combattendo per arrivare in Red Bull ma ad oggi non ci sto pensando. Corro per la Toro Rosso e voglio dare il mio contributo per far arrivare l’auto in zona punti. Non mi interessa arrivare 15° davanti a Ricciardo. Voglio arrivare quarto dietro di lui. Ciò significherebbe che abbiamo una gran macchina”. Sarà vero? “No, scherzavo - si è corretto con una risata – però è vero che sono interessato a lottare per le prime posizioni”

    Ricciardo: “Risultati frustranti”

    Ha un pizzico in più di esperienza in Formula 1 rispetto a Vergne. Da Daniel Ricciardo ci si attendono, almeno in questo inizio di stagione, le cose migliori. L’australiano non è contento dei suoi risultati. Emblematico il caso del Bahrain dove è partito incredibilmente 6° per ritrovarsi 16° al termine del primo giro:“E’ stato frustrante - ha scritto sul suo blog – ho avuto molto pattinamento sulle ruote alla partenza e ho seguito una linea sbagliata: è stato un completo disastro. Quando ho visto la tabella esposta dai box con la scritta ‘P16′ e avrei voluto tornare indietro e ripetere tutta la sequenza di partenza”. Ricciardo nega che nel flop del suo start abbia inciso un carico extra di pressioni:“Non ero agitato. I miei nervi non hanno ceduto e non ho fatto errori eclatanti. Dobbiamo quindi capire bene cosa è succsso per non ripeterci nella prossima gara in Spagna”, ha concluso.

    605

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Daniel RicciardoFormula 1 2017Jaime AlguersuariRed Bull F1Sebastien BuemiToro Rosso F1
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI