Toyota: troppi problemi (non) deprimono Trulli!

Anche quest’anno la Toyota si presenta con delle ambizioni

da , il

    Jarno Trulli con la Toyota TF107

    Anche quest’anno la Toyota si presenta con delle ambizioni.

    Ma mica vorrete prenderli sul serio, vero? Altrimenti rischiate di fare la fine di Jarno Trulli che a meno di un mese dalla presentazione della TF107 sta già annusando un’altra stagione da buttare.

    L’idea di un altra annata a sgomitare nelle seconde file proprio non gli va giù. Peccato, però, che – dalle prime impressioni – Jarno si è già cominciato a preoccupare.

    Molto lavoro ancora da fare per migliorare prestazioni insoddisfacenti e problemi di affidabilità a non finire. Insomma, c’è poco da gioire in casa Trulli. All’apice della sua forma agonistica, rischia un altro anno di digiuno da vittorie per colpa di una macchina non all’altezza. C’è da capirlo.

    Fortunatamente (per lui) il pescarese ha una scorza da vero campione e continua a guardare avanti con ottimismo:“L’impressione iniziale della macchina non è stata così negativa. Non c’è niente di così grave, anche se stiamo faticando molto a gestire il posteriore. Questo significa che abbiamo molto lavoro da fare ma credo che il feeling possa migliorare. Questa monoposto, oltretutto, sarà molto aggiornata da qui a Melbourne. Già nei prossimi test di Barcellona, ad esempio, ci saranno molte parti nuove. Spero quindi che le cose comincino ad andare meglio”.