Troy Bayliss ancora ko: il campione si è rotto spalla e dito nel flat track

Try Bayilss è caduto durante una gara di Flat Track e ha riportato tante fratture

da , il

    Troy Bayliss ancora ko: il campione si è rotto spalla e dito nel flat track

    Il calvario di Troy Bayliss è senza fine. Il campione australiano, dopo essersi fratturato una caviglia a Giugno durante una gara dell’AMA Pro Flat Track, era tornato in pista per gareggiare nell’Australian Senior Track Championship 2015 sul circuito di Taree, sua città natale. Il pilota, 46enne, è caduto rovinosamente a terra finendo addosso alle transenne che delimitavano il muretto del box. Un impatto tremendo che ha causato non pochi problemi a Bayliss. Una volta trasportato in ospedale è stato subito ricoverato e gli sono state diagnosticate diverse fratture: clavicola e pollice della mano sinistra rotti, fratture ad una vertebra e una costola. Un bollettino medico importante che costringerà Bayliss ad un lungo periodo di riposo.

    Troy Bayliss è stato il primo a spiegare di stare nel complesso bene e lo ha fatto tramite il suo profilo Twitter con questo messaggio: “All good, just need little rest, Fractured Vertebrae, Rib, Collarbone and thumb, don’t bother telling me I’m to old” nel quale elenca le sue fratture e una frase finale nel quale invita i fans a non dirgli di essere troppo vecchio per queste cose. Questo suo messaggio fa presagire ad un ritorno in pista del campione della Ducati e l’idea di appendere il casco al chiodo ancora lontana dalla sua mente. In molti si stanno infatti chiedendo sui social e non solo se non fosse arrivato il giusto momento per il ritiro dalle corse. A 46anni suonati non si è più dei ragazzini e il rischio di farsi seriamente male in caso di cadute è veramente alto. Lo dimostra anche questo bollettino medico molto brutto. Molti fans dell’australiano invece hanno rincuorato il loro beniamino e sono in attesa del rientro in pista dell’ex campione del mondo. Sui social intanto ha voluto dire la sua Loris Capirossi, amico di Troy, che ha twittato al pilota ponendogli un quesito: “Troy forse è il momento giusto per cominciare a godersi la vita? Ci vediamo un Australia!”. Un invito a pensare più a sè stesso dimenticandosi e mettendo da parte la voglia sfrenata di velocità e competizione che fanno parte del dna di un pilota. Troy Bayliss non sembra però volerci sentire da questo lato tanto che ad inizio anno ha anche gareggiato nel campionato mondiale Superbike in sostituzione di Davide Giugliano sulla Ducati ufficiale. In attesa di vedere cosa deciderà di fare del suo futuro, la redazione di Derapate augura una pronta guarigione al pilota australiano.