Valencia: Ducati Style

Valencia: Ducati Style

da , il

    ducati stiler

    Il titolo mondiale andato in casa Honda e la caduta di Valentino non devono offuscare il successo ottenuto oggi dalla Ducati e dai suoi due piloti, Capirossi e Bayliss.

    Sorprende soprattutto il secondo, 37 anni e tanta esperienza in SBK, senza contare un meritatissimo primo posto nel gran premio di oggi, a Valencia, la gara delle sorprese (belle e brutte).

    Ecco cos’hanno dichiarato a fine gara i piloti della Ducati.

    Loris Capirossi: “Tutta la stagione è stata incredibile, senza dubbio una delle migliori delle 17 che ho disputato fin’ora. Si sono alternati tanti vincitori ed è stata combattuta dall’inizio alla fine. Questo fine settimana è cominciato subito bene, sia io che i miei ragazzi abbiamo fatto un ottimo lavoro venerdì e sabato. Oggi all’inizio non sono scattato benissimo, poi ho guadagnato la seconda posizione dietro a Troy, che oggi guidava fortissimo.In ogni caso il secondo posto mi ha assicurato il terzo assoluto nel mondiale. Ho appena 23 punti da Nicky e posso ritenermi soddisfatto. Abbiamo incontrato momenti difficili, ma la mia squadra è stata sempre perfetta: la moto non ha mai avuto un problema e io non ho commesso errori. Siamo stati bravi e ora siamo pronti a concentrarci sul futuro: mercoledì saremo in sella alla GP7, che sembra esser nata veramente bene. Confidiamo anche nel potenziale della Bridgestone. Inoltre vorrei fare i miei complimenti a Troy, oggi mi son detto :”Questo è veramente un talento!

    Troy Bayliss: “E’ stato un week end particolare! Ho avuto una stagione incredibile! Ho appena vinto il titolo Mondiale in SBK e appena cominciavo a rilassarmi è arrivato questo invito della Ducati a partecipare all’ultima gara di Motomondiale, che ovviamente non mi sono sognato di rifiutare. Ho portato al debutto qui a Valencia la desmo16 nel 2002, poi ci ho corso nel 2003 e 2004 e correre in sella all’erede della moto che ho visto nascere in occasione della sua ultima uscita, beh… era veramente un’occasione che non potevo proprio lasciarmi sfuggire. Ho portato con me Marinelli, Ciabatti e Tardozzi, e insieme alla mia vecchia squadra che ho trovato qui abbiamo costruito questa gara pian piano durante il week end. Voglio ringraziare tutti quanti hanno reso possibile la mia partecipazione a questo importante evento, ma aggiungo che è stata la mia ultima apparizione in motoGP: sto benissimo dove sono e credo sia meglio lasciar spazio ai giovani. Certo però che vincere qui è stato davvero incredibile: a quanto pare sono ancora piuttosto veloce!