Valentino Rossi a Sepang: “Ancora il più forte nelle curve a sinistra”

Valentino Rossi è soddisfatto del suo nono tempo nella prima sessione di test ufficiali MotoGP tenutisi oggi sul circuito malese di Sepang: il centauro della Ducati, ancora con qualche problema fisico alla spalla destra, è riuscito a restare sotto i 2'02, staccato dai più veloci di un secondo

da , il

    Valentino Rossi soddisfatto dei test di Sepang

    Valentino Rossi è soddisfatto del suo nono tempo nella prima sessione di test ufficiali MotoGP tenutisi oggi sul circuito malese di Sepang: il centauro della Ducati, ancora con qualche problema fisico alla spalla destra, è riuscito a restare sotto i 2’02, staccato dai più veloci – Casey Stoner, Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo – di un secondo.

    Un inizio promettente e c’è tanto da perfezionare per andare più forti, ma Rossi fa notare che è ancora il più forte nelle curve a sinistra e che girato senza montare gli pneumatici a mescola morbida, segno che non cercava il tempo ma la messa a punto della Desmosedici GP11.

    Il rider Ducati fa anche notare che perde circa tre decimi di secondo a causa della spalla e che nelle fasi iniziali delle prove era riuscito ad ottenere il quarto tempo: “Come primo giorno possiamo essere soddisfatti perché siamo ad un secondo dal top, come alla fine del primo test, ma senza provare il time attack con la gomma morbida come hanno fatto gli altri,” ha dichiarato Rossi, “In generale oggi sono stato tra il quinto ed il sesto posto, che è l’obiettivo che ci siamo posti qui. Circa tre decimi li perdo sempre per la spalla, perché sono, ancora adesso, più forte nelle curve a sinistra quando normalmente è il contrario, il resto lo dovremo invece trovare lavorando sulla moto.”

    Sono contento anche perché abbiamo girato sempre con le gomme dure che fino ad oggi ci avevano fatto faticare,” continua il nove volte campione del mondo, “Infine abbiamo scelto uno dei due set up, diversi per quanto riguarda la distribuzione dei pesi, che avevamo definito nel test precedente e che sarà la nostra base di lavoro, quella su cui ci concentreremo i nostri sforzi nei prossimi giorni.”