Valentino Rossi a Sepang: “Con Ducati siamo al punto di partenza”

Rossi, prima di concentrarsi sul Gran Premio della Malesia parla della sua competitività in sella alla Ducati e ai deludenti risultati della MotoGP 2011

da , il

    rossi ducati pessimista malesia

    E’ un Valentino Rossi veramente desolato, quello che si presenta in conferenza stampa del Gran Premio della Malesia 2011, penultima prova del Motomondiale. Un pilota che sembra quasi stanco nel tracciare un bilancio della stagione, che lo ha visto salire sul podio soltanto una volta e per non parlare di vittorie, casella ancora rimasta vuota: “Abbiamo cercato di lavorare tanto per raddrizzare la stagione e per essere competitivi, sviluppando la moto sotto molti punti di vista. Alla fine, dopo un anno, siamo al punto di partenza”.

    Rossi si appresta ad affrontare la gara di Sepang, sperando di fare meglio rispetto alla caduta rimediata tra le curve del circuito internazionale di Philip Island .

    Inoltre, il pesarese della Desmo16 è consapevole delle difficoltà tecniche e di guida sulla sua Ducati ufficiale: “E’ evidente che il mio stile di guida non si adatta alla Ducati. Però non si adatta nemmeno a nessuno degli altri piloti del mondiale, a parte Stoner”.

    Il Dottore cerca i lati positivi di questo Motomondiale 2011 in sella alla Rossa: “A Sepang non ero andato molto bene nei test pre-stagione e spero di riuscire a fare meglio questo weekend. Ora sono settimo in classifica, lo sono stato più o meno per tutta la stagione, ma ho perso punti importanti con le cadute delle ultime due gare. La battaglia per il quinto posto non è finita”.

    Inoltre la frattura al dito rimediata nella caduta a Motegi continua a dare dei problemi al pilota Ducati: “A Philipp Island ho dovuto subire una serie di iniezioni perché sentivo molto dolore e avevo dei problemi a guidare. Il dito è ancora molto gonfio. Spero che il dolore passi nei prossimi giorni”, ha concluso Valentino.