Valentino Rossi: “Ad Aragon per verificare i progressi di Ducati”

da , il

    valentino_rossi_misano

    AP/LaPresse

    Il motomondiale si prepara ad affrontare l’ultima gara in terra europea prima delle tre trasferte orientali che precedono l’ultima gara di Valencia dove terminerà la stagione 2012. Il quattordicesimo round di questa stagione andrà in scena presso la pista spagnola di Aragon, che dopo il gran premio di Misano così particolare e ricco di colpi di scena, potrebbe essere decisivo per la conquista del mondiale, visto che dopo lo zero di Misano ora Pedrosa si trova a -38 punti da Lorenzo. Anche per il team factory Ducati questo appuntamento è ricco di attese visto che sul circuito intitolato a Marco Simoncelli, Valentino Rossi ha ottenuto il suo miglior risultato sull’asciutto in questa sua avventura in Ducati.

    Vale dopo la gara di Misano si è detto entusiasta del risultato ottenuto e del comportamento della moto, ma ora il pilota di Tavullia guarda già al prossimo gran premio affermando che l’appuntamento spagnolo sarà la controprova dei progressi effettivamente fatti dalla moto: “Arriviamo ad Aragon con uno spirito più positivo dopo il risultato di Misano anche se sappiamo bene che ogni gara è una storia se. Sarà una prima occasione per verificare se i progressi saranno confermati anche su questa pista, molto diversa, veloce, impegnativa e dove è molto importante la gestione delle gomme in piega. Sotto questo punto vista, nei test dopo l’ultima gara, abbiamo provato un forcellone che mi è piaciuto perché offre un po’ più di grip a moto piegata e, di conseguenza, stressa meno le gomme. Vedremo, sarà una possibilità di capire se siamo migliorati davvero”.

    Il suo compagno di squadra, Nicky Hayden, potrà invece provare meglio le novità portate dalla casa di Borgo Panigale e già provate da Nicky nei test post-Misano, visto che le condizioni della sua mano destra saranno certamente migliori rispetto al gran premio di San Marino.

    Ecco el dichiarazioni del pilota americano: “Per me Aragon è una pista divertente: mi piacciono i tracciati che hanno dislivelli diversi e questa sicuramente ha diversi up and down. Ci sono anche alcuni punti ciechi che la rendono tecnicamente impegnativa oltre a sezioni dove si può sorpassare. Non vedo l’ora di verificare quanto sarà migliorata la mia mano rispetto a Misano e, soprattutto, di poter usare la nuova ciclistica. Sicuramente il feeling che ne ho ricavato al primo assaggio nei test è stato piuttosto positivo e quindi sarà bello cominciare a lavorarci. Sono sicuro che il set-up avrà bisogno di qualche aggiustamento ma sarà molto interessante capire cosa ne potremo ricavare”.

    Anche Vittoriano Guareschi, il team manager Ducati, ha fatto il punto della situazione prima di questo importante appuntamento in terra spagnola: “Arriviamo ad Aragon dopo la gara positiva di Valentino a Misano e dopo un test che ci ha dato risposte promettenti: sarà interessante verificare se quello che abbiamo trovato funziona altrettanto bene anche su una pista completamente diversa, mentre a casa continueremo comunque a lavorare a pieno ritmo sullo sviluppo. Ad Aragon oltre a Vale potremo contare anche sul feedback di Nicky che sarà sicuramente più in forma rispetto a Misano, anche se forse non ancora al 100%”.