Valentino Rossi arriva a Fiumicino insieme alla salma di Simoncelli: “Sono cose che capitano”

Valentino Rossi è atterrato oggi a Fiumicino con lo stesso aereo con il quale ha fatto rientro in Italia, la salma di Marco Simoncelli

da , il

    Il pilota della Ducati, Valentino Rossi è atterrato a Fiumicino, sullo stesso aereo con cui è arrivata la salma di Marco Simoncelli, tragicamente scomparso durante l’incidente del Gran Premio della Malesia 2011, dove lo stesso Dottore è stato coinvolto. Il nove volte campione del mondo non si è sottratto alle domande dei giornalisti, dicendosi molto dispiaciuto per l’accaduto e ribandendo la sua intenzione di non smettere di correre: “Non è stato sicuramente bello, non ho pensato sinceramente a niente, solo che mi dispiace. Non dovete stare qui per me, sta arrivando lui tra poco. Purtroppo sono cose che ogni tanto capitano. Possono succedere, noi lo sappiamo già che può succedere non ci cambia tanto”.

    Rossi è rientrato in Italia insieme alla famiglia e al feretro del povero Simoncelli. Nei giorni scorsi, Valentino aveva dedicato all’amico scomparso parole fraterne e dense di tristezza.

    Qualcuno, nei giorni scorsi, preso dalla trans giornalistica di assalire la notizia, aveva sbandierato ai quattro venti, un possibile ritiro del campione della Ducati. Ma è proprio lo stesso pesarese ad allontanare con forza questa fantomatica ipotesi: “Non smetto, non ho messo io in giro queste voci ma qualcun’altro per vendere più giornali. Con lui stavamo insieme tutti i giorni, andavamo in palestra e poi sui motori. Papà Paolo sta molto male l’abbiamo abbracciato tutti. Marco era un grande e non lo dimenticherò mai”.