Valentino Rossi: “Assen mi porta alla mente un sacco di bei ricordi”

da , il

    rossi 2012

    Ap/Lapresse

    Sabato, anche quest’anno infatti si è rimasti fedeli alla tradizione che qui ha sempre visto disputarsi in questo giorno i gran premi, il motomondiale farà tappa in Olanda, sul circuito di Assen, settimo appuntamento del calendario iridato, e anche qui come a Silverstone il meteo resta un’incognita determinante.

    I piloti che sono più sotto pressione sono certamente i riders dell’HRC Daniel Pedrosa e Casey Stoner, che arrivano dal podio inglese, ma vedono Lorenzo che continua a guadagnare punti in ottima mondiale e una Yamaha che sembra migliorare gara dopo gara, mentre la RC213V sembra non riuscire a risolvere i problemi di chattering, soprattutto con la nuova gomma anteriore.

    Certamente questa pista evoca per i due Hondisti bei ricordi visto che Casey ci ha vinto due volte ed è addirittura sempre salito sul podio, mentre Dani è salito sul podio per 3 volte nella MotoGP, 6 se teniamo conto anche della 125 e della 250.

    Ora ecco le parole di uno Stoner obbligato quindi a vincere per non far scappare Jorge verso la conquista del suo secondo mondiale: “Ad Assen abbiamo avuto risultati alterni, cosi speriamo di essere competitivi questo fine settimana, evitando qualsiasi infortunio come accadde invece lo scorso anno quando mi sono fatto male al collo in prova, con postumi che mi sono portato dietro tutta la stagione e che mi creano ancora un po’ di problemi. Su questa pista si passa molto tempo con la moto piegata e purtroppo questo è un punto debole per noi, almeno in questo momento. Prima di poterci considerare competitivi su questo tracciato, dovremo lavorare molto nei turni di prova di giovedì e venerdì. Speriamo che ci sia bel tempo perché abbiamo bisogno di provare il più possibile sull’ asciutto. Dobbiamo restare concentrati perché con tre gare di fila è importantissimo ottenere buoni risultati ogni domenica ad Assen, Sachsenring e Mugello”.

    Ap/LaPresse

    Ecco invece il commento di Dani Pedrosa prima delle trasferta olandese in cui dovrà ottenere un buon risultato per rilanciarsi in chiave mercato-piloti agli occhio dell’HRC: “Lo scorso anno non ho corso ad Assen perchè ero infortunato, ma conosco molto bene il tracciato. Il tempo è sempre incerto, speriamo di poter girare sull’asciutto per continuare il lavoro di messa a punto della moto con la nuova gomma anteriore e migliorare la guidabilità. Abbiamo bisogno di acquisire più esperienza con la nuova copertura e questo fine settimana speriamo di poter fare un altro passo avanti. Ad Assen è importante avere un buon feeling con le gomme perché ci sono diverse curve molto veloci. Non vedo l’ora di correre e punto a fare una bella gara”.

    Le dichiarazioni dei due compagni di squadra sono molto simili a quanto si può vedere, sintomo che hanno le idee chiare su quello su cui devono lavorare per migliorare il comportamento della loro moto per poter fare quel piccolo salto di qualità che li porti ai livelli del duo Lorenzo-Yamaha.

    Jorge Lorenzo: “Mi sento molto forte su questo tracciato”

    AP/LaPresse

    Tutto farebbe presumere che sia proprio Jorge Lorenzo il favorito per la vittoria su questo pista, visto l’ottimo momento di forma che sta attraversando e che lo ha portato a vincere tre gare di fila: Le Mans, Catalunya e Silverstone. Se a questo aggiungiamo che qui Jorge ci ha vinto in tutte e tre le classi (125, 250 e MotoGP), possiamo ben capire quanto sia facile prevedere l’ennesimo suo trionfo.

    Ma ecco ora le parole del maiorchino in vista della gara olandese: “Assen e Brno sono le piste sulle quali credo di aver vinto di più. Mi sento molto forte su questo tracciato e la squadra in questa stagione è concentratissima, per cui non posso che essere ottimista. Non abbiamo mai fatto grossi errori, e le cose sembrano mettersi bene anche in ottica ‘titolo mondiale’. Il nostro obiettivo rimane quello di salire sul podio ad ogni gara, e se possibile farlo grazie ad una vittoria. Assen sembra essere una buona pista per la nostra moto e si adatta bene al mio stile di guida, quindi non ci resta che vedere cosa succederà“; il pilota spagnolo è quindi cosciente della sua forza oltre che del fatto che in questo momento il suo diretto rivale per il mondiale ha alcuni piccoli svantaggi di natura tecnica.

    Valentino Rossi: “Cercheremo di partire da questo buon feeling con Assen”

    AP/LaPresse

    Passiamo ora ad analizzare la situazione di un altro pilota che non sta certamente attraversando una situazione facile: Valentino Rossi. L’italiano in sella alla sua Ducati GP12 arriva da una gara disastrosa a Silverstone e in generale non è mai riuscito ad essere competitivo sulla rossa di Borgo Panigale, se non in condizioni di bagnato. Per il duo Rossi-Rossa arriva ora un tour-de-force di tre gare consecutive in cui dovranno dimostrare i risultati ottenuti durante tutti i test svolti. Ecco ora le parole di un Valentino che dopo il WDW 2012 è parso più che mai carico e con un rinnovato amore per il mondo Ducati: “Assen è una gran pista, mi piace moltissimo e mi porta alla mente un sacco di bei ricordi. Cercheremo di partire da questo buon feeling con il tracciato per migliorare un po’ i nostri risultati. Per il momento possiamo solo lavorare sul set-up per mettere a punto al massimo la moto per tornare al livello che avevamo prima di Silverstone, che è stata una gara molto dura. A Barcellona ma anche nei turni asciutti a Le Mans, eravamo invece stati un po’ più veloci quindi dobbiamo tornare almeno sui quei ritmi. Se poi invece dovesse piovere sappiamo già che potremmo essere più competitivi”.

    Insomma ci sono tutte le premesse per vedere un gran premio spettacolare con piloti alla ricerca di un riscatto, piloti che si dovranno confermare e altri ancora che dovranno andare alzare il proprio limite per puntare a qualcosa di più della singola vittoria..