Valentino Rossi, Burgess: “Non ha sottovalutato la Ducati”

Burgess analizza le difficoltà di Valentino Rossi da quando è salito in sella alla Ducati ufficiale e non ha ancora vinto una gara

da , il

    Rossi burgess ducati

    Il nove volte campione del mondo Valentino Rossi non sta vivendo un momento felice da quando ha deciso di iniziare la sua avventura con la Ducati di Borgo Panigale. A questo proposito, il suo guru Jeremy Burgess, difende il suo pilota dalle illazioni circa il suo scarso impegno in prova ed in gara. Secondo l’ingegnere australiano la verità è che Honda e Yamaha hanno migliorato molto, mentre la Ducati è rimasto al palo, rispetto alle stagioni precedenti dell’era delle 800cc.

    La Desmo e Valentino sono arrivati a metà MotoGP 2011, ma i risultati tardano ad arrivare e i tifosi cominciano a mostrare i primi segni di insofferenza verso un Mondiale che non ha portato neanche una vittoria a Borgo Panigale e trasformano Rossi in un punto interrogativo sulla Desmo16.

    Per il pesarese in quest’anno è arrivato solo un podio fortunoso in dieci gare e distacchi in gara sempre pesanti. In molti iniziano a pensare che Rossi abbia sottovalutato la sfida Ducati, non è però di questo parere Burgess, capo tecnico che segue Rossi sin dagli esordi nella classe regina: “Penso che abbiamo sottovalutato che tipo di miglioramento potessero fare gli altri. Stoner ha alzato il potenziale di tutti i piloti Honda. Ha chiaramente innalzato il livello e solo la sfortuna potrebbe fargli perdere il campionato. Non ci si può aspettare che sia facile correre con la Ducati”.