Valentino Rossi cade: addio Mugello e Mondiale MotoGP

Valentino Rossi deve dire addio al Gran Premio d’Italia e al mondiale MotoGP

da , il

    Valentino Rossi al Mugello

    Valentino Rossi è caduto durante il secondo turno di prove libere del GP d’Italia di MotoGP riportando una grave frattura esposta a tibia e perone destro.

    Rossi è stato disarcionato dalla sua M1 a 10 minuti dal termine delle libere, mentre affrontava a forte velocità le curve “Biondetti” del circuito del Mugello.

    Dai primi accertamenti per il campione della Yamaha è previsto stop di 2-3 mesi. La corsa al decimo titolo iridata è già terminata.

    Valentino Rossi deve dire addio al Gran Premio d’Italia e al mondiale MotoGP.

    L’incidente che lo ha visto protagonista durante l’ultima sessione di prove libere al Mugello, prove valide per il GP d’Italia TIM, gli ha procurato una frattura scomposta della tibia della gamba destra, infortunio che prevede tempi di recupero non inferiori ai 2 mesi.

    Cadendo Rossi ha “piegato” la gamba destra sull’asfalto e l’osso della tibia è uscito fuori dalla posizione naturale: i primi soccorsi gli sono stati dati nel Centro Medico dell’Autodromo Internazionale del Mugello dai dottori Costa e Macchia Godena della Clinica Mobile, dove la frattura è stata parzialmente ridotta.

    Per fortuna i medici hanno escluso problemi vascolari: “Mi interessa che non ci siano lesioni vascolari. Poi vedremo con lo staff che lo assiste se usare un fissatore, un chiodo, e poi aspettare ad operare,” ha dichiarato il dottor Macchiagodena, “La gamba è stata stabilizzata qui al centro medico e l’osso adesso è in asse, come mostrano le ultime radiografie. L’importante adesso è che non ci siano problemi di infezioni e vascolari, che possono anche uscire dopo qualche ora dall’infortunio. Io sarei per aspettare a fare l’intervento, tanto qualche giorno non cambia niente. Rossi mi ha parlato ed è molto dispiaciuto, soffre molto, ma mi ha chiesto della moto.

    Foto: www.bikeracing.it