Valentino Rossi dimesso dall’ospedale

Valentino Rossi è stato dimesso dal CTO di Firenze: la doppia operazione alla gamba destra in seguito alla frattura scomposta ed esposta a tibia e perone ha avuto buon esito e il nove volte iridato ha potuto lasciare l'ospedale in anticipo rispetto ai tempi previsti (inizialmente doveva restare in reparto fino a sabato prossimo)

da , il

    Ieri pomeriggio, in anticipo rispetto a quanto previsto, Valentino Rossi è stato dimesso dal Centro Traumatologico Ortopedico di Firenze. Il pilota della Yamaha era stato operato sabato sera in seguito all’infortunio provocato dall’ormai noto incidente durante le prove libere sul circuito del Mugello.

    Dopo soli cinque giorni di ricovero il campione del mondo della MotoGP può lasciare il Centro Traumatologico e tornare a Tavullia. Ora lo attende un lungo processo di riabilitazione che gli permetterà di tornare quanto prima in sella alla sua M1.

    Valentino Rossi è stato dimesso dal CTO di Firenze: la doppia operazione alla gamba destra in seguito alla frattura scomposta ed esposta a tibia e perone ha avuto buon esito e il nove volte iridato ha potuto lasciare l’ospedale in anticipo rispetto ai tempi previsti (inizialmente doveva restare in reparto fino a sabato prossimo).

    Soffriva la permanenza a Firenze e voleva tornare a casa,” ha detto il prof. Roberto Buzzi, responsabile area trauma del CTO, “A fronte di una situazione clinicamente soddisfacente non c’era motivo di opporsi.

    Il rider Yamaha è stato trasportato in elicottero da Firenze a Cattolica, nel centro medico dove si occuperanno del processo di fisioterapia e riabilitazione: Rossi proseguirà infatti la degenza postoperatoria in Romagna.

    Un comunicato diramato dall’ufficio stampa del Team Fiat Yamaha fa sapere che è ancora presto per pronosticare tempi certi di recupero. Il team manager Davide Brivio ha invece dichiarato che Valentino potrebbe tornare in pista ad agosto a Brno; altri rumors parlano di Misano, a settembre. Probabile invece che il Dottore ritorni in pista nel 2011.