Valentino Rossi dopo le qualifiche di Barcellona: “La prima fila non è ancora alla nostra portata”

da , il

    Con la chiusura delle qualifiche per il Gran Premio di Catalunya che hanno visto Dani Pedrosa conquistare la pole position dopo un giro record, lasciamo ora la parola ai protagonisti di questo infuocato sabato di prove. Sessione di qualifiche che si accende negli ultimi minuti, come spesso è accaduto in questa stagione, movimentati sopratutto dal poco tempo a disposizione per i piloti per cercare di conquistare il miglior crono. Lo sa bene Daniel Pedrosa che sfrutta proprio l’ultimo giro per far registrare non solo il best time delle qualifiche, ma anche il nuovo record del tracciato del Montmelò. Tattica che sembra funzionare anche per Cal Crutchlow che proprio sulla bandiera a scacchi si assicura la seconda casella in griglia di partenza. Un po’ sotto le aspettative la prova di Lorenzo che, seppur interrotta inizialmente da un guasto alla moto, chiude con il terzo tempo e molto rammarico. Settimo crono per quanto riguarda Valentino Rossi, autore ieri di un’ottima FP2, ma che oggi dichiara i suoi limiti in merito agli scarsi risultati che raccoglie durante le prove.

    Ci sono voluti 5 anni, ma Pedrosa ce l’ha fatta! Dopo la pole e il nuovo record al Mugello si ripete anche in Spagna, siglando così il secondo record consecutivo in questa stagione 2013. Dani è un pilota velocissimo sul giro singolo e quest’anno sembra determinato più che mai a fare bene. Il suo record in qualifica ha demolito totalmente la concorrenza… il pilota più vicino al suo tempo dista oltre 6 decimi; non serve aggiungere molto se non le sue parole: “Sono molto contento di questa pole position; sul giro secco andavo veramente fortissimo, ma la cosa che mi da più soddisfazione è aver visto molti miglioramenti per quanto riguarda la moto che, rispetto a ieri, andava molto meglio. Durante le qualifiche cercavo di tenere una mentalità da gara e ho cercato di migliorare anche il passo; se le cose domani andranno bene come oggi, sicuramente faremo una bella prova!”

    Valentino Rossi è stato autore di un’eccellente FP2 il venerdì e questo ha fatto presagire che in qualifica potesse finalmente conquistare la prima fila. Purtroppo però, a parte una buona FP3, non si è visto nulla di tutto questo e per la terza volta in questa stagione partirà dalla settima casella in griglia: “Dopo la bella prova nella FP2 del venerdì credevamo di riuscire a migliorarci ulteriormente anche in qualifica; invece purtroppo non è andata bene come speravo. Di positivo c’è che abbiamo un buon passo gara e possiamo tenere il ritmo dei più veloci. Solo Pedrosa qui sembra irraggiungibile, ma gli altri potrebbero essere alla nostra portata se riuscissimo a fare ancora qualche miglioramento in vista della gara. Siamo fuori dalla seconda fila per un solo decimo, ma non ho ancora quel feeling che serve per recuperare qualche decimo prezioso e cercherò dunque di dare il massimo per trovarlo. In gara è importante partire bene e cercare di restare con i piloti che hanno il mio passo poiché la gara è molto lunga e bisogna anche usare una buona strategia; dobbiamo valutare bene la scelta della gomma e vedere chi userà una dura al posteriore. Sarebbe bello riuscire a partire almeno una volta in prima fila, ma al momento non siamo ancora pronti”

    Se c’è un pilota meritevole di elogi in questa stagione è Cal Crutchlow; il pilota britannico è reduce da due podi consecutivi in Francia e in Italia e durante le qualifiche di oggi è stato il miglior pilota Yamaha. Risultato pregevole se consideriamo che guida una moto clienti e che nell’ultimo giro si guadagna di forza la seconda casella in griglia di partenza: “Il divario con il tempo di Dani è piuttosto ampio, ma conquistare il secondo miglior tempo mi rende molto felice ed è un ottimo risultato in ottica della gara. Le Honda con il caldo vanno decisamente più forti e Dani lo ha dimostrato facendo un giro strepitoso; dobbiamo rivolgere ora la concentrazione per la gara di domani e partire in prima fila ci aiuterà molto. Oggi ho guidato per quasi tutta la prova al limite perché qui Yamaha richiede questo per non distaccarci troppo dalle Honda. Sapevo che avremmo potuto conquistare la prima fila, ma siamo davanti a Lorenzo perché probabilmente il suo problema all’inizio lo ha penalizzato un po’. Siamo molto fiduciosi per la gara e nel warm up di domani mattina cercheremo di provare qualcosa di nuovo”

    Jorge Lorenzo comincia la sua sessione di qualifica con qualche problema relativo alla frizione, problema che lo costringerà a rientrare al box per il cambio moto; azione che lo farà innervosire molto. Nonostante l’imprevisto riesce a ottenere la terza casella sullo scadere del tempo e non nasconde un po’ di rammarico inerente ad un probabile miglior piazzamento : “Quel guasto ad inizio sessione non ci voleva poiché mi ha fatto perdere quasi 10 minuti nella Q2; non sto cercando scuse anche perché il tempo per fare il mio giro veloce ce l’ho avuto, ma ho avuto poco tempo per valutare il passo gara che in mattinata pareva essere buono. Domani sarà una giornata molto difficile perché la gara è molto lunga e con il caldo faticheremo molto e per questo dobbiamo usare la strategia migliore”