Valentino Rossi-Ducati: affare possibile

In questo scorcio di pausa della MotoGP, l'unico argomento che appassiona i tifosi è il mercato piloti, messo in agitazione dopo le parole del presidente Ducati che sogna un pilota itaiano in sella alla Desmosedici, alludendo a Valentino Rossi

da , il

    La MotoGP 2010 non è ancora cominciata ma già si inizia a parlare in prospettiva del 2011. Ad animare questo periodo di pausa è il mercato piloti che si è infiammato dopo le dichiarazioni di Gabriele Del TOrchio. Il presidente della Ducati ha affermato di sognare una vittoria del campionato mondiale con un pilota italiano, alludendo a Valentino Rossi, proprio nel giorno in cui l’australiano delle Desmosedici decide di puntare al prossimo titolo iridato. Ma l’anno prossimo scadranno i contratti di: Stoner, Rossi, Pedrosa e Lorenzo. Una situazione che spinge le principali scuderue della classe regina a muoversi in anticipo sui concorrenti.

    L’idea di vedere Valentino Rossi correre con una Ducati ufficiale sta diventando il chiodo fisso degli uomini di Borgo Panigale. Anche se la MotoGP 2010 non ha ancora preso il via, il mercato piloti in chiave 2011 ha già preso il volo, perchè alla fine della prossima stagione scadranno i contratti dei più forti piloti attualmente presenti all’interno della classe regina: Rossi, Stoner, Lorenzo e Pedrosa.

    Le situazioni che potrebbero favorire un approdo di Rossi nel box della Desmosedici, per chiudere la sua carriera in MotoGP, potrebbe essere la permanenza di Jorge Lorenzo in Yamaha, spingendo il Dottore verso la strada per Borgo Panigale.

    In questo senso, l’attule pilota della Rossa, Casey Stoner sarebbe costretto a virare verso le sponde desolate della Honda poco vincente delle ultime stagioni, ma in fase di rilancio con la new entry che risponde al nome di Livio Suppo.

    L’unico ostacolo che impedirebbe alla Ducati di ingaggiare Rossi per il 2011 è l’entità dell’ingaggio del campione di Tavullia, il quale prende sei volte lo stipendio annuale di Stoner.

    A farne le spese di questo effetto domino che potrebbe verificarsi nel circus dei piloti del Motomondiale, potrebbe essere lo spagnolo Dani Pedrosa, che dopo le ultime due stagioni altalenanti ha scarso potere di contratto sugli uomini della Honda e si vedrebbe costretto a subire le decisioni altrui.