Valentino Rossi-Ducati: Preziosi stupito dalla sua calma

Valentino Rossi non ha potuto commentare i test di Valencia con la Ducati per motivi contrattuali

da , il

    Valentino Rossi e Preziosi - test Ducati

    Valentino Rossi non ha potuto commentare i test di Valencia con la Ducati per motivi contrattuali, poiché di fatto è legato alla Yamaha fino al termine del 2010 e la due giorni di prove con la Desmosedici GP11 è da considerarsi un “regalo di addio” che la casa dei tre diapason ha fatto al suo (quasi ex) pilota.

    Ma a commentare i test ci ha pensato Filippo Preziosi, dg della Ducati, che ha voluto spazzare via le polemiche con una battuta: “Gli avevo detto di andare piano, e Valentino è stato di parola…

    Scherzi a parte, Preziosi si è detto favorevolmente colpito dalla professionalità di Valentino Rossi e dalle utili indicazioni che ha dato al team nei test di Valencia: “Rossi ha stupito per quanto riesce a essere positivo e calmo,” ha dichiarato, “Ci ha dato, con Hayden, una grande massa di informazioni. Settimana prossima faremo un meeting e quando a dicembre arriverà Burgess, discuteremo ancora.

    Quello che è incredibile è quanto Valentino sia tranquillo, metodico, analitico e positivo durante il lavoro anche quando le cose non vanno benissimo,” ha continuato il DG della Ducati, “Mi ha impressionato la sua precisione chirurgica nell’analizzare ogni dettaglio. Da uno che ha vinto come lui ti aspetti che se i test vanno come questo ti dica “ma che razza di moto avete fatto”, invece tutto il contrario. E forse è proprio per questo che ha vinto così tanto.”

    E la questione dei tempi troppo alti rispetto a quelli dei suoi avversari?La verità è che se non hai confidenza non spingi, se non spingi la temperatura delle gomme scende e con le gomme fredde è impossibile essere veloce,” ha commentato Preziosi, “Insomma, una specie di circolo vizioso. Di sicuro poteva andare meglio e potevamo ottenere più risposte, ma normalmente non mi fisso su come avrebbe dovuto o potuto andare, ma su cosa dobbiamo fare per progredire. Purtroppo però le soluzioni uno ce le ha quando le ha messe in pista e ha verificato che vanno bene. Per ora quindi abbiamo delle idee.”