Valentino Rossi: duro attacco dal manager di Lorenzo

Il manager dello spagnolo Jorge Lorenzo critica aspramente il comportamento del nuovo campione del mondo della MotoGP, Valentino Rossi

da , il

    Marcos Hirsch, nuovo manager di Jorge Lorenzo, ha duramente attaccato il nuovo campione iridato della MotoGP 2009, Valentino Rossi. Hirsch accusa il pesarese di avere fair play solo quando vince, ma di non essere affatto sportivo fuori dalla pista.

    Marcos Hirsch, in un’intervista a “Cadena SER” ha definito triste il comportamento del nove volte campione del mondo, Valentino Rossi, nei confronti del suo assistito Jorge Lorenzo.

    Parole decisamente fuori luogo se si considera il polverone alzato da Valentino con il suo ultimatum alla Yamaha e sulla convivenza impossibile con il maiorchino all’interno del box della M1.

    Nell’intervista, il manager ha spiegato che il suo assistito non ha nessun motivo per avere conflitti con Rossi, perchè è lo stesso pilota italiano a soffrire la convivenza con il centauro maiorchino: “è triste che un campione del calibro di Valentino Rossi, si preoccupi tanto di Jorge. Quello che dobbiamo fare è essere felici, combattere e vincere da uguali e non utilizzare queste strategie. Sembra che il problema sia dalla parte di Rossi, Jorge non è affatto ossessionato da lui. Si tratta di un nuovo concorrente, di un pilota dal livello elevato, ma questo è tutto. In pista ci sono altri piloti che sono veloci e bravi e non si sa mai cosa succederà”.

    Inoltre, il signor Hirsch ha lamentato la poca sportività del campione di Tavullia, sottolineando come Valentino Rossi si serva dei microfoni dei giornalisti per mettere pressione al proprio cliente. Dunque, dopo le dichiarazioni del pilota italiano della Yamaha, relative ad un passaggio in Ducati se Lorenzo dovesse rimanere in sella alla M1 anche nel 2011, l’entourage dello spagnolo preferisce gettare benzina sul fuoco, piuttosto che lasciar spegnere questa inutile polemica.

    Infatti, Hirsch ha continuato nella sua personale opera nel rendere tesi i rapporti fra i due piloti in Yamaha: “sono due dipendenti di lusso che lavorano per una casa e non si può capire il comportamento di Rossi. E’ triste che un campione del calibro di Valentino, con tutto quello che ha, deve fare la guerra nelle sale e quindi ottenere un qualche tipo di vantaggio. Non si deve permettere di fare dichiarazioni che riguardano Jorge, anche non intenzionali. Sembra che ci sia una legge che dice che non si possa parlar di Rossi. Io mi prendo cura degli interessi di Jorge e mi preoccupo per lui”.

    Insomma, secondo il nuovo manager di Jorge Lorenzo, Valentino Rossi sarebbe un campione solo quando vince le gare, lamentando la mancata sincerità da parte del campione iridato della Yamaha fuori dalla pista.

    In vista della prossima MotoGP 2010, i rapporti nel box della M1 si fanno sempre più tesi e il muro innalzato in passato fra i due rivali al titolo, in futuro, non potrà che essere sempre più alto.