Valentino Rossi e Ducati: a quando il test con la Desmo16?

Molto probabilmente non sarà solo Valentino Rossi a non potersi avvicinare alla nuova Yamaha, ma l'accesso ai dati della M1 2011 sarà vietato anche a Jeremy Burgess e alla squadra di tecnici del nove volte campione del mondo, poiché appare molto probabile un loro passaggio in Ducati insieme al Dottore

da , il

    Valentino Rossi sulla Ducati Desmosedici?

    Occhi puntati su Valentino Rossi: il prossimo week-end si correrà a Brno il Gran Premio di Repubblica Ceca, ma tutta l’attenzione è catalizzata più che sulla gara sulla possibilità di un annuncio ufficiale del passaggio di Rossi alla Ducati.

    Molto probabilmente tutto si chiarirà il lunedì dopo la gara, quando inizieranno i test di metà campionato: a provare le novità Yamaha sarà dunque Jorge Lorenzo, perché non avrebbe senso far salire un pilota in uscita sulla M1 2011.

    Molto probabilmente non sarà solo Valentino Rossi a non potersi avvicinare alla nuova Yamaha, ma l’accesso ai dati della M1 2011 sarà vietato anche a Jeremy Burgess e alla squadra di tecnici del nove volte campione del mondo, poiché appare molto probabile un loro passaggio in Ducati insieme al Dottore.

    Nel 2003 la Honda vietò a Rossi di partecipare ai test per lo stesso motivo, dato che l’italiano stava per passare in Yamaha. Ma all’epoca fu proprio Burgess a iniziare subito a lavorare con la M1, in modo da portarsi più avanti possibile in attesa di Valentino. Ed è probabile che la stessa cosa avvenga ora, coi meccanici fedeli al Dottore subito al lavoro con la Desmosedici.

    In Ducati intanto sperano di poter effettuare un test con Rossi già a novembre, così come è stato concesso a Casey Stoner di provare la Honda: “Ci piacerebbe trovare una soluzione assieme a Yamaha per questo particolare,” ha dichiarato Cicognani, “La relazione fra Valentino e la Honda nel 2003 era abbastanza tesa, mentre lui ha corso con Yamaha gli ultimi sette anni ed è stato un sodalizio vincente. Credo sia accettabile da parte di Yamaha rilasciare Valentino subito dopo l’ultima gara, e restituirgli così tutti i favori che lui ha fatto in questi anni.