Valentino Rossi e Ducati GP12, Preziosi: “Creare una moto che piaccia a tutti”

Preziosi, a Imola in occasione della gara vinta in Superbike da Carlos Checa parla del futuro del progetto Ducati GP12

da , il

    preziosi ducati gp 12 rossi

    Filippo Preziosi, padre della Desmosedici, è stato ospite nel box del team Ducati Althea Racing in occasione del fine settimana della Superbike 2011 a Imola. Dopo una stagione decisamente negativa in MotoGP, con le difficoltà incontrate da Valentino Rossi in sella alla Rossa, l’ingegnere perugino ha voluto recarsi di persona all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari ed assistere alla vittoria in gara 2 di Carlos Checa. Qui ha parlato del futuro della GP12 e sulle basi del progetto che deve avere la 1000cc.

    Preziosi, dopo aver fatto i complimenti a Checa per la vittoria tra le curve di Imola, comincia a parlare, con i colleghi di GPone, del futuro della Ducati nel Motomondiale e sulle aspettative sulla prossima stagione, anche se mancano ancora tre gare alla fine dell’attuale campionato.

    Il ducatista, innanzitutto si augura di non dover usare ulteriori motori e ripartire dalla pit-lane, durante le prossime gare, mentre non si sbilancia su quanto emerso dai test della GP12 a Jerez con Valentino Rossi: “Abbiamo fatto quello che dovevamo fare”.

    Mentre non ha smentito le voci di corridoio che vogliono Rossi autore di numerose uscite di pochi giri ciascuna, concluse su un passo simile a quello di Casey Stoner sulla Honda 1000cc.

    E per quanto riguarda la guidabilità della Rossa nelle mani di Valentino, Preziosi ha commentato con una battura: “Stiamo cercando di renderla più simile a Tom Cruise o Brad Pitt. Sicuramente, una Ducati più piacente sarebbe un valore aggiunto per la MotoGP, così povera di spettacolo”.

    Infine, in settimana ci sarà un test importante in casa Ducati al Mugello, dove Troy Bayliss proverà la 1200 Panigale e non è escluso che salga anche sulla Desmo16.