Valentino Rossi e Ducati: test con la GP12 tra le polemiche

Rossi è tornato ad Jerez per testare tra le polemiche la nuova Ducati 2012 che prenderà parte al prossimo campionato

da , il

    Rossi test gp12

    Valentino Rossi ha completato i primi giri in sella alla nuova Ducati GP12 sulla pista di Jerez de la Frontera. Il pesarese ha completato 60 tornate e si è detto soddisfatto del lavoro svolto. Ma intorno al test privato di Rossi cominciano a sorgere le polemiche perchè in base all’articolo 1.15.1.1 del regolamento, i piloti della MotoGP non possono girare in test privati durante la stagione. Ma nel caso della Ducati si tratta di una moto che non sarà utilizzata nel 2011 e quindi libera da tale divieto. Ma trattandosi di un test privato l’accesso alle prove è riservato solo al personale Ducati e molti si son chiesti chi può controllare il materiale che viene testato e in particolare le differenze tra la GP12 e la GP11.

    Dopo il disastro totale spagnolo, Rossi è tornato ad Jerez per testare, almeno così conferma Borgo Panigale, la nuova Ducati 2012 che prenderà parte al prossimo campionato. Ricordiamo che nel prossimo Motomondiale si tornerà ai motori 1000cc e Vale, con in tasca la delusione per la mancata vittoria iberica, si dice contento per le evoluzioni in vista della prossima stagione: “sono contento, la GP12 mi piace, è una moto secondo me più gustosa, più bella da guidare. E’ la moto che guideremo il prossimo anno ed era importante, e anche bello, esserci la prima volta che è andata in pista”.

    Ma una spinosa questione sta nascendo intorno alla prova privata che ha sostenuto il team della Desmosedici. Infatti molti team concorrenti sospettano che in realtà la Ducati stia testando anche le componenti per la moto di quest’anno, azione vietatissima dal regolamento Fim, che comunque dovrebbe vigilare maggiormente su questo tipo di iniaziative private.

    Ad occhio nudo è quasi impossibile distinguere le due moto e i due motori ed il regolamento non prevede alcuna norma per casi del genere. Inoltre, altri dubbi sono emersi sulle gomme che la Ducati Corse sta utilizzando per la GP12. Le regole prevedono per i collaudatori un totale di 240 pneumatici ma anche qui la sensazione è quella di trovarsi di fronte ad un’ulteriore lacuna regolamentare.