Valentino Rossi e Marco Simoncelli: un’ amicizia destinata a finire?

Secondo Graziano Rossi, il papà di Valentino, Marco Simoncelli e Valentino potrebbero finire di essere amici se Marco passasse in MotoGP

da , il

    Questa volta non si parla di donne.

    O meglio, se ne parla, ma non nella veste di arpie pronte a scatenare l?inferno tra due amici innamorati della stessa fiamma rosa.

    L? intervista di Riders, in edicola, continua a scatenare punti di discussione su argomenti adatti alla calura estiva e alle chiacchiere d?ombrellone, anche se, tra le righe, si può leggere anche qualche cosa di vero.

    Abbiamo parlato più volte del rapporto che lega Marco Simoncelli, folletto capelluto della due e mezzo, al folletto di Tavullia, Valentino Rossi.

    Stessa palestra, stesso spirito, stessa passione.

    I due si scambiamo consigli, parlano di MotoGP e di MotoMondiale e di donne.

    Dopo l? entusiasta intervista che Marco Simoncelli ha rilasciato alla Gazzetta, in cui parlava di Valentino come il suo eroe di sempre, la persona da cui prendere continui spunti e da cui imparare come ?arrivare? in MotoGP, anche Valentino si lascia andare e su Riders confessa che i due ragazzi sono sulla stessa lunghezza d? onda su vari argomenti, non solo sul campo delle due-ruote.

    Si sa, però, che (a volte) i genitori vedono più lungo dei figli e sono solitamente più propensi a dare consigli di vita ai propri pargoli, per la paura di vederli soccombere di fronte a qualche ?figlio d? altri? più forte, spregiudicato, fortunato etc?.

    Il consiglio, o meglio la previsione, arriva da Graziano Rossi, il papà di Valentino, che mette in guardia il figlio dal possibile avvento di Marco in MotoGP.

    Sono convinto – dice Graziano - che se verrà in MotoGp vi allontanerete perché un vero pilota non può avere amici tra i suoi avversari“.

    May be.

    Valentino, come tutti i figli che hanno amici fidati, risponde: “Al massimo smetterò di dargli consigli. Vorrà dire che non parleremo più di moto ma solo di? Solo di gnocca“.

    E si scoppia, ancora una volta, a ridere?!

    Il bello delle moto è (anche) questo.