Valentino Rossi e Nicky Hayden, Ducati in palestra

I campioni della Ducati (l'unica scuderia MotoGP a poter vantare due iridati in sella alle proprie moto) per il momento si "allenano" in palestra: sia Valentino Rossi che Nicky Hayden devono infatti recuperare la forma dopo gli interventi chirurgici ai quali sono stati sottoposti

da , il

    Valentino Rossi

    I campioni della Ducati (l’unica scuderia MotoGP a poter vantare due iridati in sella alle proprie moto) per il momento si “allenano” in palestra: sia Valentino Rossi che Nicky Hayden devono infatti recuperare la forma dopo gli interventi chirurgici ai quali sono stati sottoposti, quello alla spalla destra per il Dottore, l’operazione al polso per Kentucky Kid.

    I due rider della Desmosedici proseguono però con ottimismo i rispettivi programmi di recupero, con l’obiettivo si scendere in pista per i test invernali di Sepang.

    Valentino Rossi ha tolto da pochi giorni i punti di sutura alla spalla operata lo scorso 14 novembre e porta avanti il suo programma di riabilitazione “a tappe forzate” per poter essere di nuovo in sella alla Ducati Desmosedici GP11 a inizio febbraio per il test di Sepang: “Al momento sto facendo riabilitazione alla spalla e la situazione sta migliorando” – ha dichiarato Rossi – “Tra circa due settimane comincerò a lavorare attivamente in piscina e in palestra. Dobbiamo fare in fretta, ma speriamo, e soprattutto siamo ottimisti, di poter essere piuttosto in forma per il primo test del 2011 con la Ducati a Sepang.”

    “Ho cominciato il recupero lavorando in palestra, almeno per quanto riguarda il resto del corpo, mentre per la spalla sto facendo una sorta di riabilitazione passiva che serve per non perdere mobilità,” ha continuato il nove volte campione del mondo, “Devo evitare che le cicatrici dell’operazione creino aderenze, quindi delle adesività della capsula del rotatore.”

    Il periodo di recupero di Nicky Hayden, operato al polso per sistemare un problema al tunnel carpale, dovrebbe invece essere più breve e meno problematico di quello di Rossi.