Valentino Rossi e Yamaha: Brivio ci crede

Davide Brivio è fiducioso: secondo il Team Manager, il futuro di Valentino Rossi sarà ancora in Yamaha

da , il

    Davide Brivio è fiducioso: secondo il Team Manager, il futuro di Valentino Rossi sarà ancora in Yamaha.

    La tentazione della Ducati è molto forte, ma nonostante il contratto in scadenza (a fine 2010) Brivio crede che alla fine il Dottore rinnoverà con il Team Fiat Yamaha e chiuderà la propria carriera nel motociclismo sportivo nella casa dei tre diapason. Dopo Valentino sceglierà cosa fare, ma molto probabilmente si dedicherà alle corse di rally, così come ha dichiarato nell’intervista rilasciata durante la sua visita a Nuova Delhi.

    Per il futuro, Valentino deve decidere se vuole continuare a correre o no con le moto. E direi che la soluzione più probabile per lui sia quella di rimanere con la Yamaha.

    Con queste parole (rilasciate a MCN) Davide Brivio, Team manager della squadra di Valentino Rossi, dichiara di essere fiducioso sul proseguimento del rapporto tra il campione del mondo della MotoGP e la Yamaha.

    Nonostante il contratto in scadenza a fine 2010 (come quello di Jorge Lorenzo, Casey Stoner e Dani Pedrosa: una situazione che potrebbe portare un bel rimescolamento tra i Top Rider della classe regina) secondo Brivio (ma anche secondo i bookmaker inglesi…) Valentino Rossi dovrebbe prolungare con il Team Fiat Yamaha, ignorando così sia il corteggiamento della Ducati sia l’ormai remota ipotesi di salire su una Ferrari da F1.

    Lui è molto felice con la Yamaha, dove c’è una buona moto. E quindi questo è lo scenario che vedo più probabile per il suo futuro,” ha dichiarato Brivio, “Rossi ha poi un ottimo rapporto con la dirigenza Yamaha e non ha bisogno di mettergli pressione con i media. Yamaha sa che il prossimo anno deve negoziare con lui e c’è sempre stato un rapporto chiaro e aperto e mi immagino che le discussioni saranno molto semplici. Se poi ha l’intenzione di passare alla Ducati, allora penso che sarebbe meglio per lui parlare privatamente con i dirigenti.