Valentino Rossi: “Grande accoglienza in Ducati, ho sempre corso per vincere”

Ieri la Ducati, Rossi e Hayden hanno fatto festa in piazza Maggiore a Bologna, ricevendo il caldo abbraccio dei ducatisti

da , il

    Rossi evento ducati bologna

    Ap/LaPresse

    Il nuovo pilota della Desmosedici, Valentino Rossi e Nicky Hayden sono stati protagonisti del Ducati MotoGP Night, evento che si è svolto ieri sera in Piazza Maggiore a Bologna. Per il Dottore è stato un vero e proprio bagno di folla ed il primo vero contatto con i tifosi della Rossa che lo hanno accolto con grande calore. Il pesarese ex Yamaha, prima di arrivare in piazza, ha visitato la fabbrica di Borgo Panigale ed ha incontrato tutti i mille dipendenti che gli hanno augurato una buona e fortunata MotoGP 2011.

    Ieri sera la Ducati, Rossi e Hayden hanno fatto festa in piazza Maggiore a Bologna, ricevendo il caldo abbraccio dei ducatisti accorsi in gran numero. Anche se i test di Sepang non sono andati secondo i piani, l’accoglienza riservata ai componenti del team della Desmo è stata senza precedenti.

    Prima di presentarsi ai tifosi della Rossa i due piloti hanno visitato lo stabilimento di Borgo Panigale dove hanno potuto ammirare le due Monster GP replica personalizzate con le grafiche racing caratterizzate dal numero 46, i colori di The Doctor e la combinazione cromatica di Kentucky Kid.

    “E’ stata la mia prima vera visita in Ducati ed è stato eccitante. Dopo tanti anni di moto giapponesi, dove l’atmosfera è molto diversa non c’è niente come tornare a casa e avere un’accoglienza così calorosa. Abbiamo molto da fare ma non sono pentito della scelta, questo era il momento giusto per cambiare, forse la mia ultima possibilità”; ha confidato il campione di Tavullia.

    E sul Motomondiale che comincerà tra pochi giorni in Qatar, Rossi non nasconde le difficoltà e la preoccupazione per il progetto Desmo 2011: “i rivali ora sono forti, perché è un momento delicato, ma noi ci proveremo. Quest’anno sento una maggiore pressione e più responsabilità. Ho sempre corso per vincere, ma quest’anno c’è più il peso sulle mie spalle”.