Valentino Rossi Graziano, una famiglia senza qualche rotella

Valentino Rossi e Graziano Rossi: due personaggi in cerca d' autore

da , il

    Valentino Graziano Rossi

    O forse… con troppe ruote!

    Valentino Rossi e Graziano Rossi, rispettivamente figlio e padre, sono due personaggi che difficilmente la MotoGP potrà avere in futuro e che difficilmente ha avuto la fortuna di incontrare in passato.

    Ogni famiglia conserva qualche cosa di segreto, di personale, di intimo. Di privato.

    A vedere Valentino e Graziano Rossi si scopre che, nonostante la vivace solarità di entrambi, le cose private sembrino essere veramente tante e ogni volta è bello scoprire qualche pezzo in più di un puzzle che solo loro due sono in grado di comporre.

    Un puzzle fatto di sguardi, di discussioni, di intese, di litigi a volte, di manciate di ironia sparse ovunque, di competenze e di sana competitività in cui sembra che il remissivo, ingenuo e fanciullesco Graziano a volte soccomba davanti alla straripante personalità divertente ed serenamente egocentrica di Valentino Rossi.

    I due si completano e danno alito ad una vita che non si sa mai se sia un palcoscenico, una pista, o la realtà.

    Il sipario è labile, il semaforo è anacronisticamente sempre verde e gli sguardi e le occhiate che padre e figlio si scambiano perennemente sono la ciliegina sulla torta di quella segreta complicità tra due persone complementari con un’ intesa di ferro.

    Solo poco tempo fa era apparsa sul quotidiano Repubblica una bellissima intervista in cui i due si scambiavano pareri ed opinioni su temi comuni.

    Ne era uscito un quadretto familiare di grande ironia e disillusa complicità in cui Valentino esclama “Mio papà ha fatto i soldi, soprattutto grazie a me” e “ Lui (Il Padre – ndr) mi ha indicato la strada, ma io ho deciso da solo. Fare il figlio di Graziano di professione non mi andava” fino all’ amorevole confessione di Graziano: “Ogni padre cerca di trasmettere al figlio qualcosa di sé. E sono stato ricompensato così: fin da subito non era più Vale figlio di Graziano, ma Graziano il padre di Vale. Mi è andata di lusso, no?“.

    Graziano Rossi

    Adesso, sul numero di agosto di Riders, ecco un altro faccia a faccia (che GPone ha preannunciato) da non perdere tra Valentino Rossi e il padre Graziano.

    Un’ intervista da leggere tutta d’ un fiato, con Valentino e Graziano che si stuzzicano a vicenda e che ridono di loro stessi come vecchi amici.

    Dalle telefonate di Graziano a Vale: “Un mese fa ti ho cercato invano per tre giorni, poi sono uscite le foto di te con una mora sulla barca e ho detto “Finalmente ho capito dove c…. eri!”.” alle “toppe” di Valentino reo di aver avuto paura durante una bagarre: “Adesso andiamo casa perché alla bagarre non si può rinunciare, questo non è uno sport per codardi

    Un’ intervista da non perdere, con un leggero risvolto privato.

    I due non si sono mai detti “Ti voglio bene” eppure se Graziano glielo dicesse Valentino, il ventinovenne risponderebbe: “Anch’io”, mentre se capitasse il contrario, Graziano guarderebbe suo figlio e gli direbbe: “Vale, ma ti senti bene?”.