Valentino Rossi ha sperato nella terza Ferrari

Valentino Rossi accoglie con piacere la notizie dell'accordo tra FIA e FOTA per la Formula 1 2010 ma ammette di essere dispiaciuto per il mancato schieramento della terza vettura Ferrari che lo avrebbe probabilmente visto impegnato sulle 4 ruote

da , il

    Valentino Rossi esce allo scoperto. D’accordo che più volte ha smentito un suo eventuale passaggio alla Formula 1 spiegando che “ormai è troppo tardi”. Ma l’idea di una Formula 1 alternativa alla FOTA nella quale la Ferrari avrebbe schierato la famosa terza vettura, lo ha stuzzicato ben bene.

    VALENTINO ROSSI. Nessun rimpianto. Sia chiaro. Anzi. Il Dottore non solo è contento di essere ancora lì a riscrivere la storia delle due ruote ma si dice felice che tutto sia finito per il meglio e che il prossimo anno la Formula 1 continuerà ad essere la massima categoria dello sport a motore.“Certo – ha però ammesso il pilota Yamaha - mi dispiace per il fatto che non ci sarà una terza Ferrari, ma un campionato senza di loro, la McLaren e gli altri big, non l’avrebbe seguito nessuno”. Nel tentativo di accrescere l’interesse alla possibile categoria alternativa, infatti, era stato fatto anche il nome di Valentino Rossi. Non sappiamo quanto c’era di vero. Nei piani Ferrari si parlava di schierare, al pari degli altri top team, una terza vettura per rimpolpare la griglia di partenza. Terza vettura che non avrebbe concorso per i punti mondiali e che sarebbe stata occupata, probabilmente in modo saltuario, anche dallo stesso Valentino Rossi. Il centauro avrebbe così potuto compiere un apprendistato graduale e senza pressione in vista di un maggiore impegno dal 2011.

    LUCA DI MONTEZEMOLO. Assieme a Stefano Domenicali, il più grande sponsor di Valentino Rossi in Ferrari è sempre stato Luca di Montezemolo:“Visti i nuovi scenari non precludo nulla, anche la terza macchina. Tra l’altro avrei anche un’idea per l’eventuale pilota…” aveva dichiarato non meno di due giorni fa facendo chiaramente intendere l’interesse per il pilota della MotoGP. Adesso, invece, anche per il presidente della FOTA è giunto il momento di lasciare le polemiche alle spalle e lavorare sodo per dare una nuova immagine a questa martoriata Formula 1. Non prima, però, di ringraziare pubblicamente i tifosi per il loro appoggio incondizionato:“Vorrei ringraziare tutti i nostri tifosi che adesso avranno una vera Formula 1. La soddisfazione - prosegue Montezemolo – e’ che tutte le nostre richieste sono state accettate. A noi interessavano tre cose: che la F1 non diventasse F3; che non ci fosse un dittatore ma una scelta dei regolamenti condivisi e non imposti; terzo, che ci si rendesse conto che chi fa lo sport deve essere tenuto in considerazione”.