Valentino Rossi, il preferito della Yamaha

Il presidente della Yamaha, dopo le dichiarazioni e le notizie apparse nei giorni scorsi che parlano di un possibile approdo di Valentino Rossi alla corte della Ducati, dichiara di preferire trattenere alla M1 il pilota italiano piuttosto del vice campione spagnolo Jorge Lorenzo

da , il

    Dopo la clamorosa indiscrezione lanciata dalla redazione sportiva online di Sportmediaset e che vorrebbe il trasferimento di Casey Stoner dalla Ducati alla Honda ufficiale, il presidente della Yamaha, Masao Furusawa dichiara di preferire tenere un pilota come Valentino Rossi, piuttosto che il compagno di squadra spagnolo, Jorge Lorenzo. Rossi è arrivato alla Yamaha, quando quest’ultima era una moto di secondo piano e ha portato la M1 ad essere la squadra da battere nel panorama MotoGP, scalzando Honda e Ducati.

    Il presidente della Yamaha, dopo le dichiarazioni e le notizie apparse nei giorni scorsi che parlano di un possibile approdo di Valentino Rossi alla corte della Ducati, dichiara di preferire trattenere alla M1 il pilota italiano piuttosto del vice campione spagnolo Jorge Lorenzo.

    Secondo Masao Furusawa, nonostante il dominio del Team Fiat in queste prime due gare del Motomondiale 2010, derivato dal grande potenziale tecnico della M1 e dalle imprese sportive dei propri corridori, i quali formano una coppia imbattibile, il futuro della squadra prende la direzione e le sembianze dell’italiano, Valentino Rossi.

    Lo scompiglio creato dal passaggio di Stoner alla Honda HRC, porta gli uomini della Yamaha a pensare al proprio futuro colorato di ‘Rossi’: “ho bisogno di entrambi i piloti e presto dovremo decidere. Mi piacerebbe andare avanti con entrambi, ma questo dipende dalle loro scelte. Per essere onesto, la mia priorità è trattenere Valentino prima di Jorge. Valentino è arrivato alla Yamaha nel 2004 e ci ha dato tanto. Ci costa molto denaro, ma lui di rimando è uno che lavora duramente. Apprezzo realmente il suo lavoro e preferisco tenere Valentino piuttosto che Jorge”.

    Vedremo se il presidente giapponese riuscirà a togliere a Valentino la voglia di provare ad accettare la sfida e la proposta della Ducati.