Valentino Rossi in Ferrari? Montezemolo dice sì

La Ferrari chiama Valentino Rossi e lo fa per bocca del suo presidente, Luca di Montezemolo, che durante un'intervista ha ammesso di avere come sogno nel cassetto l'arrivo della terza auto in F1, in modo da poter mettere alla guida della nuova monoposto il campione italiano della MotoGP

da , il

    Valentino Rossi in Ferrari? Luca Cordero di Montezemolo non ha dubbi: nel caso in Formula 1 dovesse arrivare la terza auto a guidarla sarebbe l’attuale campione del mondo della MotoGP, così da vincere anche a bordo delle monoposto di Maranello.

    Il presidente della Ferrari conferma la sua ammirazione per il Dottore e spera che il centauro di Tavullia porti alla vittoria la Yamaha anche quest’anno, perché con dieci titoli iridati in tasca Valentino potrebbe essere seriamente invogliato a tentare l’avventura in F1.

    Farei di tutto per avere Valentino Rossi in Ferrari.”

    La Ferrari chiama Valentino Rossi e lo fa per bocca del suo presidente, Luca di Montezemolo, che durante un’intervista ha ammesso di avere come sogno nel cassetto l’arrivo della terza auto in F1, in modo da poter mettere alla guida della nuova monoposto il campione italiano della MotoGP.

    Noi vorremmo la terza macchina e allora farei di tutto per avere Valentino Rossi,” ha dichiarato Montezemolo, “Rossi vincerà anche questo mondiale in MotoGP… Ma poi basta: deve vincere anche in Formula 1 con la Ferrari!

    Il “sogno di Montezemolo” ha in fondo una sua logica e forse non è da etichettare subito come l’ennesima trovata per far parlare di sé, anche perché in questo periodo la Ferrari fa notizia da sola.

    In caso di vittoria del decimo titolo iridato il pilota della Yamaha potrebbe aver voglia di provare qualcosa di nuovo e stimolante in chiusura di carriera, e o va in Ducati a “convivere” con Casey Stoner per un paio di stagioni (difficile che a Borgo Panigale vogliano scegliere tra lui e l’australiano) o si toglie la soddisfazione di fare il salto nella F1 e di pilotare la monoposto Ferrari.

    L’ipotesi per la Ferrati apre appetitosi scenari di marketing, ma è anche estremamente affascinante per tutti gli appassionati di sport.