Valentino Rossi in vista di Silverstone: “faccio la danza della pioggia”

da , il

    Motomondiale Valencia   qualifiche

    Ap/LaPresse

    I protagonisti del Motomondiale iniziano a prepararsi per il sesto round di questo mondiale, che vedrà i piloti fare tappa sul circuito di Silverstone dopo una settima che non è stata certo di riposo viste le due giornate di test a cui i piloti hanno partecipato (tranne le Honda HRC che hanno saltato i test di Aragon).

    Il gran premio di Silverstone è uno dei più affascinanti ed impegnativi del calendario della MotoGP e quindi per Valentino Rossi che vi ha corso solo l’anno scorso (poichè nel 2010 l’ha dovuto saltare a causa dell’infortunio rimediato al Mugello) non riuscendo a settare la moto nel modo ideale, l’imperativo sarà senz’altro trovare un buon set-up ripartendo dal buon feeling trovato in Spagna.

    Il suo compagno di squadra Nicky Hayden, che ha invece partecipato a entrambe le edizioni del gran premio di Silverstone, chiudendo sempre al quarto posto, vuole invece rifarsi dagli ultimi due gran premi in cui i suoi risultati in gara sono stati influenzati da alcuni sfortunati episodi.

    Ecco le dichiarazioni di Valentino Rossi in vista della gara di questo week end: “A Silverstone ho una stagione di svantaggio rispetto agli altri che, lì, hanno cominciato un anno prima di me, quindi dovrò girare il più possibile durante le prove e capire bene la pista, perché l’anno scorso è stata davvero molto dura. Nei test di Barcellona e Aragon della settimana scorsa abbiamo lavorato su elettronica e assetto e adesso vedremo come andrà in Inghilterra. Speriamo di guidare bene, di trovare il set-up più adatto e di riuscire a mantenerci sullo stesso livello del GP di Barcellona sull’asciutto anche se, in caso di pioggia, forse avremmo qualche chance in più”.

    Nicky Hayden ha invece detto: “È eccitante pensare di correre la prossima gara a Silverstone. Lì abbiamo corso due volte e in entrambi i casi abbiamo trovato qualcosa di diverso, una modifica all’asfalto o alle infrastrutture, tanto che ho ancora quasi l’impressione di andare su una pista nuova. Dato che il tracciato è piuttosto lungo, sarà importante sfruttare al meglio ogni minuto di ogni sessione e per questo ci auguriamo che la pista sia asciutta. Il fatto che ci siano tante curve diverse una dall’altra fa sì che l’elettronica sia particolarmente importante, più che in altre piste. Il layout è veloce ed ampio e a me piace molto. Le ultime due gare non sono state il massimo, ma dobbiamo rimanere concentrati e cercare di fare un passo in avanti. So che non sarà un fine settimana facile ma non vedo l’ora di tornare in pista”.