Valentino Rossi: Indianapolis? Stanco ma soddisfatto

Valentino Rossi - quarto nel Gran Premio di Indianapolis 2010 di MotoGP - è stanco ma soddisfatto a fine gara: il campione del mondo in carica è contento di essere riuscito a girare stando dietro a Jorge Lorenzo e Ben Spies, e crede di essere sulla strada giusta per tornare ai livelli di prima dell'incidente

da , il

    Valentino Rossi – quarto nel Gran Premio di Indianapolis 2010 di MotoGP – è stanco ma soddisfatto a fine gara: il campione del mondo in carica è contento di essere riuscito a girare stando dietro a Jorge Lorenzo e Ben Spies, e crede di essere sulla strada giusta per tornare ai livelli di prima dell’incidente.

    Il rider della Yamaha guarda ora con ottimismo al prossimo gran premio, che si correrà tra sette giorni a Misano, e sottolinea che secondo i medici doveva essere quello del suo rientro in pista…

    È stata una buona gara, tenendo conto di ciò che è successo in questo fine settimana. Il quarto posto va abbastanza bene, ma la cosa importante è che il mio ritmo in gara era veloce e mi sono sentito molto più a mio agio in sella alla moto“.

    Valentino Rossi è dunque soddisfatto della quarta posizione ottenuta nel Red Bull Indianapolis Grand Prix e sottolinea i progressi fatti in sella alla Yamaha M1 nonostante tutti i problemi avuti durante il fine settimana.

    Ho fatto dei giri veloci e non ero molto lontano dalle altre Yamaha, ma purtroppo ho pagato la mancanza di forma fisica, con questo caldo, e alla fine ho dovuto smettere di spingere perché non avevo più forza dentro di me,” ha dichiarato Rossi, che comunque difficilmente sarebbe riuscito a salire sul podio, “Ho faticato nei primi giri, ma nella fase centrale sono andato molto forte e sono riuscito a girare come Lorenzo e Spies. Però quando ho visto San Pietro tra la curva 2 e 3, come Fantozzi, ho preferito mollare. Tecnicamente però stiamo ritrovando la strada giusta.”

    Sono contento, però, perché siamo tornati a una buona messa a punto e ho guidato bene,” ha continuato il Dottore, “Inoltre, se si considera che ho avuto tre piccoli incidenti nel weekend, quarto non è così male. Ora guardiamo avanti a Misano, la mia gara di casa!