Valentino Rossi, Lorenzo, Spies: la Yamaha dei campioni

La Yamaha quest'anno schiera in MotoGP quattro piloti: Valentino Rossi e Jorge Lorenzo nel Team Fiat Yamaha, Ben Spies e Colin Edwards nel Team Yamaha Tech3

da , il

    La Yamaha quest’anno schiera in MotoGP quattro piloti: Valentino Rossi e Jorge Lorenzo nel Team Fiat Yamaha, Ben Spies e Colin Edwards nel Team Yamaha Tech3. Di questi, ben due sono campioni di primissima (lo spagnolo e, ovviamente, il Dottore) e uno è probabilmente il giovane più talentuoso della classe regina (parliamo di Spies).

    Lin Jarvis vede di buon occhio questa abbondanza, ma come ha intenzione di gestire quella che potrebbe diventare una vera e propria competizione interna alla casa di Iwata?

    Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Ben Spies. Tre piloti di prima scelta, tre prime donne delle due ruote. Senza dimenticare Colin Edwards. Su chi punterà la Yamaha? Nel 2010 la risposta appare scontata, ma cosa accadrà dal prossimo anno?

    E come verrà gestito lo scalpitante Lorenzo (l’infortunio per il momento ha rimandato la questione)?

    Credo che gestiremo la situazione attraverso la maturità dei piloti: fortunatamente abbiamo piloti molto intelligenti, maturi e professionali e credo che gestiranno la situazione molto bene,” ha dichiarato Jarvis, “Per quanto riguarda l’arrivo di Ben Spies, penso che sarà anche lui nel gruppo dei più forti, anche se i quattro top rider saranno ancora un passo avanti a tutti gli altri.

    Jarvis dunque minimizza, preferendo concentrarsi sugli avversari “esterni”, come il ducatista Casey Stoner, ma di fatto è probabile che la competizione interna sia voluta: in Yamaha si deve gioco forza pensare al dopo-Rossi ed è meglio scegliere tra due giovani talentuosi (Lorenzo e Spies) che tra uno solo.

    Per il momento Ben Spies resta nel Team Tech3 per il suo anno di “apprendistato” alla MotoGP. Ma se Valentino dovesse abbandonare la Yamaha a fine stagione ci sarebbe spazio per una sua “promozione” in sella a una M1 del team ufficiale.