Valentino Rossi: “Marc Marquez andrebbe squalificato per due stagioni!”

Il parere dei piloti sull'episodio di Aragon che ha coinvolto Marquez e Pedrosa

da , il

    Marc Marquez motogp 2013

    Dopo la gara di Aragon e il trionfo del giovane pilota di casa HRC, sono diverse le voci che si dividono tra pareri un po’ duri e altri di difesa (e anche ironici come nel caso di Valentino Rossi), sia da parte del pubblico che dai colleghi stessi di Marc Marquez. L’episodio che ha coinvolto Dani Pedrosa, che ne ha pesantemente condizionato le sue ambizioni stagionali, non può essere certo reputata un’azione volontaria, ma gli attacchi a volte mal valutati e anche un po’ pericolosi, non sono cose rare che il giovane rookie di casa Honda ha messo in evidenza in questa stagione che ormai si avvia alla conclusione. Bisogna considerare che una stagione d’esordio deve essere presa sempre con i guanti da chi assiste e giudicare ‘probabili frittate’ senza che queste avvengano sarebbe prematuro. Ingiusto quindi mettere subito alla berlina un pilota che di cose buone ne sta facendo vedere tante, ma resta comunque doveroso analizzare bene il carattere di un pilota che, per quanto possa essere fenomenale, non bisogna cadere nell’errore che: età, fame e competitività, rendano ogni cosa “lecita”.

    motogp laguna seca detto fra le righe_hd_50954

    Fonte: Facebook, pagina fan: Diario del motoimbecille

    L’episodio in cui si sono resi protagonisti Marquez e Pedrosa ad Aragon è stata forse una delle situazioni più ambigue e improbabili a cui abbiamo potuto assistere. Qualcuno potrebbe dire: “Se ci riprovasse altre mille volte, non ci riuscirebbe!” Affermazione che potrebbe trovare numerosi consensi, vista la precisione chirurgica con cui Marc ha rimappato la centralina al compagno in quella frazione di secondo durante il contatto (invisibile in diretta). Un gioco di prestigio che mette fuori causa Pedrosa (tanti auguri a te!) in una gara ampiamente alla sua portata. Tutto questo ammesso dal pilota stesso: Ho urtato Dani, ma non saprei dire in che modo precisamente. Sono situazioni che in gara possono capitare e la moderna tecnologia non sembra essere poi così all’avanguardia se un cavetto che ti permette di spalancare il gas come ti pare e piace, si trova a penzoloni in un punto dove un leggero contatto potrebbe comprometterne la funzionalità. Scenario quasi comico (ma senza il quasi va…) che vede un pilota aggressivo e rampante certo, ma forse in questa circostanza non totalmente colpevole. Il problema nasce però quando si analizzano più vicende in cui un esordiente si rende protagonista. Marquez è un pilota fortissimo, ma situazioni un po’ oltre i limiti non sono state rare in questa stagione e non solo nei confronti di altri piloti. Il giovane talento spagnolo ha rischiato di farsi male più volte anche da solo (vedesi Mugello e Silverstone durante le prove) e un monito da parte dei responsabili e dei suoi colleghi è più che legittimo.

    Jorge Lorenzo aveva già lasciato alcune dichiarazioni in merito a Jerez, in cui si trova a subire un contatto proprio con Marquez, proprio nel giorno del suo compleanno (amanti dei numeri: via!!); una cosa è certa: il prossimo che compirà gli anni durante un GP, si darà per malato!

    Questo è il commento del campione del mondo: “Non voglio che il mio parere debba condizionare a chi spetta la decisione sull’accaduto tra Marc e Dani; io mi sono espresso alla fine del Gran Premio di jerez. Ogni pilota è fatto a modo suo e Marc è un pilota aggressivo e quando sei così ti prendi molti più rischi di quanti dovresti prendertene e potrebbe diventare pericoloso. Non ho avuto modo di valutare direttamente quanto fosse stata dura la manovra. Io mi ero espresso già in Spagna a maggio, Marc è un pilota aggressivo che prende rischi per lui e per gli altri.

    Di diverso avviso è invece Cal Crutchlow: “Marquez ha meritato la vittoria; secondo me Pedrosa ha frenato troppo in anticipo e Marquez è stato costretto ad allargare per evitarlo. Viene criticato perché a volte commette errori, ma quale pilota non li ha fatti? Il mio parere è che Marquez non ha commesso un errore in quella circostanza.”

    Un po’ più ironico è il commento di Valentino Rossi che, non vedendone grandi responsabilità, vorrebbe infliggere a Marquez almeno un paio di stagioni di squalifica! Una battuta scherzosa che mirava a sottolineare quanto sarebbe più facile vincere se non ci fosse lui!

    In linea con l’opinione di Lorenzo invece sembra essere il parere di Casey Stoner: Nutro una grande stima e rispetto per Marquez, ma se vuoi fare tanta strada devi avere rispetto nei confronti di chi corre insieme a te. In questa stagione ha avuto diversi contatti con altri piloti rischiando di coinvolgerli pesantemente nella sua troppa foga. E’ un pilota fortissimo e di sicuro vincerà molto, ma deve darsi una calmata. La federazione deve essere drastica con certi atteggiamenti in pista, ma a volte lascia correre per evitare di prendere decisioni scomode.”

    A cura di Alessio Mora