Valentino Rossi: “Nel 2009 devo difendere il numero 1″

Valentino Rossi si confida prima di iniziare la nuova stagione MotoGP 2009 - Obiettivo principale? Difendere il numero 1 conquistato con fatica nel Campionato MotoGP 2008

da , il

    Sarà una stagione in salita per Valentino Rossi quella della MotoGP 2009 e il pluri-iridato campione italiano ne è più che consapevole: le minacce arrivano soprattutto dai nuovi piloti pieni di talento, dalle vecchie conoscenze (leggasi Casey Stoner) e dal fatto che quest’anno saranno tutti gommati Bridgestone.

    Obiettivo di Valentino Rossi, dunque? Difendere il numero 1 a tutti i costi!

    Il Mondiale sarà sicuramente duro, parto con il numero 1 e dovrò difenderlo per tutta la stagione dai nuovi e dai vecchi avversari. – ha dichiarato Valentino Rossi che, dopo aver dovuto “lasciare” la BMW al suo avversario più agguerrito di questi ultimi anni, si è riproposto di non lasciarsi scappare il Titolo per nessuna ragione al mondo.

    Spero di ripetere la stagione fantastica del 2008. La nuova Yahama mi piace, è veloce e garantisce ottime prestazioni. Saremo sicuramente competitivi per la vittoria“.

    Intanto, in attesa della carrellata delle 10 gare più belle di Valentino Rossi proposte in onda da Espn Classic a partire dal prossimo lunedì 6 aprile, il campione di Tavullia ripercorre le sue più belle vittorie.

    La vittoria al Mugello nel 2003 è indimenticabile. – dichiara un Valentino emozionato – Capirossi, Biaggi ed io eravamo quell?anno i più veloci. E? stato emozionante vincere in Italia davanti a due connazionali, Loris Capirossi soprattutto non ha mollato fino alla fine, ma ce l?ho fatta anche a dispetto del gran caldo. Quella del Mugello è probabilmente la mia pista preferita“.

    Il circuito di casa del Mugello non è, però, l’ unico ad aver regalato a Valentino Rossi ricordi indimenticabili. Insieme al circuito italiano c’è sicuramente quello australiano di Phillip Island, memorabile per la carriera del pilota pesarese: “Il successo avvenuto lì nei Mondiali 2001 e 2004, insieme al 2008, sono sicuramente quelli più belli della mia carriera. Nel 2001 me la sono dovuta vedere con Biaggi, l?ho sorpassato nella famosa curva 9, una curva cieca da fare rigorosamente in terza marcia. Nel 2004, al primo anno in Yahama, stessa curva e stesso sorpasso da brividi ai danni questa volta di Sete Gibernau, il mio avversario di tutto l?anno.