Valentino Rossi: “nel 2010 Lorenzo era molto forte, ora è anche meglio!”

da , il

    Lin Jarvis Yamaha 2013 Team Manager

    MCN è praticamente il portavoce dei piloti più forti per il regno unito, e quindi non si poteva far scappare l’occasione di intervistare il rinnovato Valentino Rossi, a “podio” negli ultimi test di Sepang. Intervista che prende una piega particolare, molto differente rispetto a quella che ha rilasciato al termine della sessione di Sepang, e che fa mettere in risalto la stima (almeno dal punto di vista sportivo) che The Legend ha nei confronti di Jorge Lorenzo. Ci dice la sua anche Lin Jarvis, Direttore tecnico Yamaha Racing

    VALENTINO ROSSI A SEPANG 2013

    Cominciamo con un pò di fatti, o per meglio dire con le parole di Valentino Rossi sul conto di Lorenzo:“Adesso è perfetto perché è molto veloce in tutte le condizioni, è molto veloce sin dalla partenza della gara e non fa errori. Già nel periodo tra il 2008 e il 2010 Lorenzo era molto, molto forte, ma adesso è addirittura meglio. Jorge ha fatto un grande ‘long-run’, ad un livello altissimo. Se io avessi provato a fare una simulazione di gara non credo che sarei potuto andare veloce quanto lui, e questo significa che ho bisogno di lavorare

    ROSSI E LORENZO

    Queste parole sono permeate di realismo. “Martillo Y Mantequilla” infatti ha tenuto un passo gara che si può dire risulta irraggiungibile anche allo stesso Daniel Pedrosa, unico altro pilota che possa pensare di contendersi il mondiale quest’anno. Ovviamente non diamo nulla per scontato, ma Marquez avrà bisogno di un po di tempo per abituarsi a correre più di 20 giri con una moto che ti strappa le spalle, e questo porterà ad allungare il gap della prima parte di campionato in termini di punti. E Rossi, come dice lui stesso, ancora non ha il passo necessario e quindi si pone in una posizione simile a quella di “Little Thunder“.

    Anche Lin Jarvis ha avuto modo di commentare il rendimento di Lorenzo, dicendo: “Posso immaginare che, da parte sua, questo risultato deve essere stato come una boccata d’aria fresca dopo due anni difficili in cui ha faticato molto. E’ normale avere dubbi su se stessi se si è spesso in difficoltà. Non c’è dubbio che [Rossi] non ha mai veramente trovato il giusto affiatamento con quella moto, ma dopo due anni era difficile capire se aveva ancora ciò che serve per essere competitivo oppure no. Le cose sono cambiate da allora, ma vederlo di nuovo là davanti così rapidamente ha confermato che lui è ancora tra i migliori. Credo che Vale sia anche molto realistico su questo aspetto: riconosce la velocità di Dani, Marc e Jorge, ma non c’è dubbio che anche lui farà parte di questo gruppo. Questo è fantastico per il nostro sport e per la Yamaha, e per lui personalmente deve essere un enorme sollievo.

    Che dire? Le prospettive sembrano ottime, e quella che l’anno scorso si era dimostrata una lotta a tre (Pedrosa Lorenzo Stoner), quest’anno potrebbe diventare una lotta a quattro. E ne guadagnerà solamente lo spettacolo, e di conseguenza noi!

    LE FOTO DEI TEST A SEPANG 2013