Valentino Rossi: “Non riesco a guidare come vorrei”

Il primo capitolo del mondiale MotoGP ha soddisfatto poco Valentino Rossi: il campione del mondo in carica non brilla durante la prima sessione di prove libere del Gran Premio del Qatar e soffre sia il velocissimo Casey Stoner (Ducati Marlboro) che il compagno di scuderia e rivale Jorge Lorenzo (Fiat Yamaha) chiudendo al terzo posto

da , il

    Il primo capitolo del mondiale MotoGP ha soddisfatto poco Valentino Rossi: il campione del mondo in carica non brilla durante la prima sessione di prove libere del Gran Premio del Qatar e soffre sia il velocissimo – nonché “specialista di Losial” – Casey Stoner (Ducati Marlboro) che il compagno di scuderia e rivale Jorge Lorenzo (Fiat Yamaha) chiudendo solamente al terzo posto.

    Il Dottore pensava di poter essere più veloce e ha dichiarato che si metterà subito al lavoro per recuperare il distacco dall’australiano della Ducati.

    Speravo di andare un pochino meglio! Il distacco da Casey Stoner è peggiore rispetto ai test perché lui l’ultimo giorno aveva girato con la gomma morbida, mentre io non l’avevo usata. Oggi lui ha fatto questo tempo con la gomma dura, quindi c’è da lavorare...”

    Valentino Rossi ha commentato così il suo terzo tempo nella prima sessione di prove libere del Gran Premio del Qatar valido per il campionato del mondo MotoGP 2010.

    Il campione della Yamaha si è ritrovato dietro sia a Casey Stoner, imprendibile sulla sua Ducati con più di mezzo secondo di vantaggio, sia a Jorge Lorenzo, secondo anche se di soli due millesimi più veloce del Dottore: “Lorenzo sta bene,” ha commentato, “Ma lo immaginavo perché tre settimane fa nei test aveva fatto tanti giri ed era andato abbastanza forte.

    Rossi non vince sul circuito di Losail dal 2006 e ha sofferto la notturna fin dal primo GP “by night” ma nonostante lamenti qualche problemino alla moto non appare particolarmente preoccupato: “Il mio tempo non è male perché più o meno sono andato come nei test, ma la moto scivola tanto soprattutto dietro e non riesco a guidare esattamente come vorrei,” conclude il nove volte iridato, “Abbiamo del lavoro da fare ma domenica vogliamo essere vicino a Stoner!