Valentino Rossi: “parlo come se avessi già firmato con la Ducati….”

da , il

    Moto GP Mugello 2012   Conferenza Stampa

    AP/LaPresse

    E’ il mercato piloti a catalizzare l’attenzione del week end al Mugello. Con la conferma dell’arrivo in Honda accanto a Pedrosa di Marc Marquez, il nodo da sciogliere è sul futuro di Rossi, apparentemente destinato a un rinnovo in Ducati, nonostante il Dottore non lesini parole di fuoco sulla situazione tecnica del team di Borgo Panigale.

    Le dichiarazioni del Mugello, indirizzate su una permanenza in Ducati anche nel 2013, sono il frutto della convinzione o di una mancanza di alternative?

    Certo è che la presenza sullo sfondo di Audi potrebbe essere l’appiglio buono per augurarsi un cambio di ritmo sul piano tecnico, anche se Rossi in merito ha dichiarato: «Non ci sono garanzie né sicurezze. Bisogna fidarsi di Audi per riuscire nei prossimi anni a risolvere i problemi che non siamo riusciti a mettere a posto. Ho parlato giusto 10 minuti in Germania con l’amministratore delegato Rupert Stadler, ma mi sono bastati per capire che hanno voglia di investire su di me e sulla Ducati».

    Nel box rosso Valentino dovrebbe far coppia con Cal Crutchlow, anche se ha lasciato intendere che con Hayden ha lavorato bene e gli dispiacerebbe vederlo partire: «Sono tutti e due velocissimi e simpatici, ma per Nicky ho un debole perché lavoriamo insieme in Ducati da due anni e perché lui è uno che per questo team si fa veramente il culo».

    Dichiarazioni di un pilota evidentemente intenzionato a restare, e non ha negato questa sensazione Rossi: «Certo, parlo come uno che rimane».

    Quanto alle chance per l’immediato, che significa Gran Premio d’Italia, prova a tirar fuori l’orgoglio Rossi, pensando ai tifosi: «Questa pista è fantastica. Ci sono un sacco di tifosi e diventa tutto un po’ speciale. Faremo uno sforzo incredibile per essere più veloci. Dobbiamo risolvere al più presto alcuni problemi della moto. Al Sachsenring però non è andata male, soprattutto verso fine gara. Avevamo un buon ritmo, quindi ora dobbiamo migliorare a inizio gara. Sfortunatamente la nostra situazione è complessa».