Valentino Rossi: pezzi di Yamaha per l’Abruzzo

Valentino Rossi ha deciso di mettere all'asta il codino della sua Yamaha M1, moto con la quale ha conquistato il mondiale MotoGP 2009: il ricavato finanzierà l'acquisto di un laboratorio mobile realizzato da Legambiente e dall’Università de L’Aquila

da , il

    Valentino Rossi ha deciso di mettere all’asta il codino della sua Yamaha M1, moto con la quale ha conquistato il mondiale MotoGP 2009: il ricavato finanzierà l’acquisto di un laboratorio mobile realizzato da Legambiente e dall’Università de L’Aquila.

    Il nove volte campione del mondo non è nuovo ad iniziative benefiche: soltanto pochi mesi fa aveva messo a disposizione il suo casco e la sua tuta a favore di iniziative di solidarietà.

    Ma vediamo come si svolgerà l’asta della Yamaha.

    La Yamaha di Valentino Rossi venduta a pezzi per i terremotati dell’Abruzzo: il codino della M1 con cui ha vinto il suo nono titolo iridato, diviso in due pezzi autografati dal campione, sarà in vendita all’asta sul sito www.forzaabruzzo.it e il ricavato andrà a finanziare l’acquisto di un laboratorio mobile per gestire emergenze e coordinare le operazioni di aiuto agli sfollati.

    Non ho mai dimenticato le immagini del terremoto e dell’immane tragedia che ne è seguita… E di sicuro c’è un po’ di Abruzzo nel mio nono titolo mondiale,” ha dichiarato Rossi, “Questo è un modo per dire alle persone coinvolte che non le dimentichiamo, che vogliamo impegnarci per sostenere la rinascita de L’Aquila e dei comuni distrutti dal sisma. A essere messe in vendita saranno le due parti del codino della Yamaha con cui ho corso in Qatar in quella gara di aprile: un modo per sottolineare la mia vicinanza alle popolazioni colpite.

    Chi vorrà aggiudicarsi un pezzo della moto del Dottore (per i suoi fan dovrebbe essere un cimelio di notevole valore) potrà andare andare sul sito dell’iniziativa e partecipare all’asta organizzata da Legambiente: si potranno fare offerte fino alle ore 10 del 5 aprile 2010.