Valentino Rossi propone un Gran Premio in India

Valentino Rossi colpito davvero dall'India? Forse

da , il

    Valentino Rossi colpito davvero dall’India? Forse. Ma di sicuro l’India sembra innamorata di Valentino Rossi: lo testimoniano i tanti fan accorsi a vederlo e le decine di video spuntati come funghi su YouTube.

    La visita del Dottore all’Auto Expo di Nuova Delhi (era la sua prima volta in India) è stata accolta come un evento, e bene ha fatto la Yamaha ad inventarsi questa trovata promozionale in quello che – per numero di consumatori e dinamismo economico – è forse con la Cina il mercato più appetibile per le sue motociclette.

    Una grande esperienza, sarebbe bello disputare qui in India un gran premio. Spero di tornare in questo paese e conoscerlo meglio. Mi ha impressionato l’incredibile quantità di traffico in strada, a qualsiasi ora, con le moto che sono utilissime per sposatrsi. E ho scoperto di avere anche qui tanti tifosi.

    Valentino Rossi con microfoni e telecamere ci sa davvero fare. Non so se sia tutta farina del suo sacco, o se il campione di Tavullia abbia “solamente” avuto la lungimiranza di circondarsi di scaltri uomini di comunicazione, ma bisogna ammettere che il Dottore sembra sempre indovinare quando è il momento giusto per ammiccare e quando forse conviene tacere.

    E dichiarare a Nuova Delhi che sarebbe auspicabile un “Gran Premio dell’India” di MotoGP è un gran bel coniglio, grasso e bianco, tirato fuori dal suo cilindro: portare il Motomondiale in un’economia emergente come quella indiana… Perché non ci ha pensato qualcuno dalle parti del FIM o della Dorna?

    Di sicuro la Yamaha ha saputo come monopolizzare su di sé l’attenzione del grande e altrimenti dispersivo Auto Expo (il salone motoristico più grande dell’Asia).

    Che dire? Complimenti! Forse il prossimo anno Valentino sarà altrove, ma per il momento in Yamaha sanno come sfruttare fino in fondo la loro gallina dalle uova d’oro.