Valentino Rossi: può essere ancora competitivo?

Dopo l'incidente del Mugello, Valentino Rossi non riesce a ritrovare il ritmo giusto per poter lottare tra le prime posizioni

da , il

    Valentino Rossi cerca di spiegare le ultime mediocri prestazioni ottenute nelle qualifiche valevoli per l’appuntamento della MotoGP che si diputerà sulla storica pista di Indianapolis. A pochi minuti dal termine delle prove ufficiali, ha rimediato anche una caduta che l’ha costretto ad accontentarsi del settimo tempo. “Ho finito le tute, che tuta mi metto domani?” aggiunge il pesarese sorridendo riferendosi alle due cadute tra libere e qualifiche. Dopo lo schianto e l’infortunio del Mugello, è evidente che il Dottore non è più lo stesso pilota capace di fronteggiare Jorge Lorenzo.

    Dopo l’incidente del Mugello, il campione del mondo della MotoGP, Valentino Rossi non riesce a ritrovare il ritmo giusto per poter lottare tra le prime posizioni. Anche nelle qualifiche di ieri, ennesima caduta per l’iridato 2009: “la moto mi è andata via dietro perché avevamo una sospensione troppo dura. Quando ho appoggiato la spalla della gomma e mi è scivolata un po’ e volata via perché ero troppo piegato”. Dopo lo schianto del Mugello, è evidente che il Dottore non è più lo stesso pilota capace di fronteggiare lo strapotere di Jorge Lorenzo.

    Sulla prestazione della sua M1, poi Rossi rivela: “adesso va molto meglio e sono piuttosto contento. Abbiamo scelto più o meno le cose che servono. Potevo stare nella prima metà dell’1.40, ma adesso va così. Bisogna aspettare tempi migliori. In gara sarà difficile sia con la gomma dura che con la morbida”.

    Valentino prevede comunque una gara spetacolare: “come non se ne vede da un po’! In qualifica è stato un giorno di prova difficile per me, Pedrosa, Stoner che difficilmente siamo in seconda fila. Davanti c’è solo Lorenzo, mentre gli altri sono un po’ delle sorprese. In gara, penso, ci sarà una gara divertente”.