Valentino Rossi: “rally anche l’anno prossimo”

Valentino Rossi, al volante della sua Ford Focus WRC, si è dovuto accontentare di arrivare dietro agli assi delle quattro ruote e alla fine ha commentato l'esito di questo interessante esperimento con le gare da rally

da , il

    Valentino Rossi, nonostante la buona volontà nel cimentarsi in una disciplina sportiva completamente differente dalla MotoGP, non è riuscito nell’impresa di battere la leggenda dei rally, Gronholm, nel Memorial Bettega al MotorShow di Bologna. Il pilota di punta della Yamaha, nei 1020 m di pista mista terra-asfalto, non è riuscito a sconfiggere il finlandese, specialista sul corto tracciato bolognese. Ora, per il nove volte campione del Motomondiale, dopo tre settimane di eventi, ci sarà un pò di meritata vacanza prima di presentarsi nei test di fine febbraio a Sepang, dove inizierà di fatto la stagione 2010.

    Nonostante abbia dimostrato una buona capacità con i rally, Valentino Rossi non è riuscito nel secondo turno del Memorial Bettega, al MotorShow di Bologna, a tenere il passo dei piloti migliori. Infatti, il centauro della Yamaha M1 è andato fuori alla prima gara e il numeroso pubblico presente ha perso subito la possibilità di applaudire uno dei suoi beniamini preferiti.

    Dunque, il calore dei tifosi non è bastato a Rossi, per avere la meglio su gente come Gronholm, considerato dalla maggior parte degli addetti ai lavori, come una leggenda vivente dei rally.

    Ora che anche l’esperienza con la sua Ford Focus WRC è terminata, il Dottore si dedicherà ad un periodo di meritato riposo prima di tuffarsi nei test del 2010 a Sepang, che sanciranno l’inizio della nuova stagione.

    Prima di congedarsi dai suoi tifosi, Valentino ha confidato di voler ritentare l’esperienza delle quattro ruote anche nel prossimo anno: “questa non sarà la mia ultima uscita con i rally, ci riproverò l’anno prossimo. La pista era veramente insidiosa. Per me comunque va bene così, mi sono potuto confrontare con i più grandi piloti di rally ed è giusto che siano loro a vincere”.