Valentino Rossi riceve il tapiro d’oro da Staffelli

Dopo lo sfogo del GP del Qatar, Valentino Rossi riceve l'ambito premio del Tapiro d'oro da Striscia la Notizia

da , il

    tapiro rossi

    Nella giornata di venerdì, sull’ormai amatissimo twitter, Valentino Rossi ha annunciato che l’inviato di Striscia la Notizia gli aveva portato un bel regalo: il tapiro d’oro, ben corredato da una foto, che noi di Derapate riportiamo fedelmente. Uno dei premi più ambiti dai vip, dunque, va al Dottore in una delle fasi più buie della sua carriera sportiva. Infatti, dopo aver stravolto la meccanica e il telaio della Ducati, in molti si aspettavano una prestazione all’altezza della fama di Ducati e di Rossi ed invece a Losail è comparsa la bandiera bianca: ultimo pilota della Desmo, dietro anche ad Hector Barberà.

    Lo sfogo di Rossi dopo il disastro del Qatar ha avuto il suo strascico anche nel mondo della televisione, perchè ieri, il Dottore ha annunciato di aver ricevuto il noto Tapiro d’oro da Valerio Staffelli, inviato principe di Striscia la Notizia.

    Valentino, nel fine settimana correrà a Monza con una Ferrari per dimenticare le amarezze delle due ruote, ma il Dottore non vuole arrendersi e nonostante le voci di un suo divorzio dalla Desmosedici di Borgo Panigale siano sempre più insistenti, davanti a Staffelli ci ha tenuto a precisare che farà del tutto per ovviare a questa mancanza di competitività. Intanto però ha ricevuto il tapiro, per essersi eccessivamente “attapirato”.

    Stuzzicato dalle graffianti domande dell’inviato di Mediaset, Vale è stato al gioco ed ha ammesso di strameritare il premio del tg satirico di Canale 5: “E’ uno dei più giusti della storia. Sono molto attapirato perché non sono competitivo. Non riesco a guidare al 100%, mentre gli altri vanno più forte. Vorrei vincere e soffro quando sono così indietro”.

    Infine una promessa ai tifosi della Rossa, sicuramente più attapirati del numero 46 della MotoGP 2012: “Resterò alla Ducati. Ce la metteremo tutta per far funzionare la nostra unione”.