Valentino Rossi settimo a Barcellona: “Miglior gara sull’asciutto”

Rossi commenta il settimo posto ottenuto tra le curve del tracciato di Montmelò, dove è andata in scena la quinta prova della MotoGP 2012

da , il

    MotoGP Spagna 2012   La Gara

    Il pilota pesarese della Ducati ufficiale, Valentino Rossi chiude solamente con il settimo posto il Gran Premio della Catalunya, a Barcellona, evidenziando tutti i limiti della sua moto e della mancata efficacia della sua guida sulla Rossa numero 46. Il Dottore taglia il traguardo a 17 secondi dal vincitore di giornata, Jorge Lorenzo e ad almeno 8 secondi dal terzo Andrea Dovizioso con la Yamaha satellite del Team Tech 3: “All’inizio ho avuto problemi con il freno davanti ma poi fortunatamente si è risolto Poi c’è stata una parte della gara dove ero piuttosto veloce e speravo di prendere Crutchlow e Bautista, ma poi la gomma ha iniziato a scivolare tanto e con il sottosterzo si usa tanto il posteriore e perciò ho dovuto mollare”.

    All’indomani delle prove ufficiali del sabato Rossi, aveva affermato che l’obbiettivo era quello del settimo posto a Barcellona: così è stato e senza peraltro pretendere un qualcosa in più che sarebbe nelle corde del Dottore. Invece, la gara ha raccontato un Valentino attaccato alla coda di Alvaro Bautista, nella speranza di raggiungere il gruppetto davanti a lui e di non finire nel dimenticatoio delle posizioni più arretrate.

    Secondo il suo racconto davanti alle telecamere, il pesarese fino a pochi giri dalla fine era a soli due secondi dal podio, ma poi ha mollato perchè aveva le gomme finite e questo non gli dava garanzie di spingere fino al limite: “In definitiva non ci manca tanto, è la gara migliore sull’asciutto di quest’anno, alla fine il gap è alto ma io negli ultimi 5 giri ho un pò mollato”.

    Il risultato non è esaltante ma oggi il podio resta ancora molto lontano: “Al test di domani qui e a quello di Aragon proveremo varie cose. Per la gestione del motore siamo al primo passo ma la strada è giusta, poi riporveremo il forcellone in alluminio e devo migliorare il grip sul davanti. Proveremo una nuova distribuzione dei pesi per recuperare quei 3 decimi a giro poi ne approfitterò del test ad Aragon per cercare di capire bene quella pista dove non sono andato bene fino ad adesso”.