Valentino Rossi: “Stoner non sa chi sono io, ma mi spiace davvero”

Valentino Rossi - che aveva subito chiesto scusa a Stoner già nel dopogara - ammette di aver commesso un errore quando nel tentativo di passare l'australiano è scivolato travolgendo anche la Honda RC212V

da , il

    Valentino Rossi chiede scusa a Casey Stoner dopo averlo tirato giù nel Gran Premio di Spagna di MotoGP 2011, privandolo di punti in una gara che l’australiano della Honda aveva dominato dalle prime prove libere e di fatto compromettendo la sua rincorsa al titolo mondiale.

    Il nove volte campione del mondo – che aveva subito chiesto scusa a Stoner già nel dopogara – ammette di aver commesso un errore quando nel tentativo di passare l’australiano è scivolato travolgendo anche la Honda RC212V.

    Oggi sul bagnato avevamo una grande chance di fare il primo podio o anche la prima vittoria con la Ducati. Mi sentivo bene, sia con la moto sia con la spalla perché potevo frenare dove volevo e non dove sono costretto in condizioni di asciutto perché non ho ancora tutta la forza che serve,” ha dichiarato Rossi al termine del GP di Spagna corso a Jerez, “La moto sull’acqua è molto veloce, venivo su forte e mi dispiace molto aver fatto quell’errore e aver buttato via un’occasione. Sono arrivato un po’ lungo alla frenata della prima curva e purtroppo, anche se ho cercato di stare all’interno, mi si è chiusa davanti e non l’ho tenuta.”

    Mi dispiace perché ho steso anche Stoner e non volevo certo una cosa del genere,” conclude il pilota Ducati, “Gli ho chiesto scusa, mi dispiace davvero. Ed è un vero peccato anche per noi perché potevamo toglierci questa prima soddisfazione. In ogni caso il quinto posto di oggi ci ha dato undici punti che non sono assolutamente da buttare via in ottica campionato.

    Difficile che Stoner accetti le scuse di Valentino, dato che già nei box aveva commentato con ironia “Valentino ha più ambizioni che talento“, sarcasmo che non è piaciuto al numero 46, che ha replicato: “Forse non sa esattamente chi sono io.”