Valentino Rossi su Sepang: “Speravo nel podio”. Lorenzo: “il mondiale ormai è perso”

I commenti dei top rider della MotoGP dopo il Gran Premio della Malesia

da , il

    MotoGP Sepang 2013, varie (3)

    Il giorno che segue il Gran Premio della Malesia che ha visto trionfare Dani Pedrosa, porta con sé i commenti dei principali protagonisti di questa gara sul circuito di Sepang. Gara che ha visto la conferma di una Honda sempre più da battere e vicina a conquistare tutto sia in campo piloti che quello costruttori. Una superiorità mai messa in discussione nell’intero arco del week-end in cui esce pesantemente sconfitta, oltre a Yamaha, anche la speranza di poter vedere una volata finale per il titolo di campione del mondo 2013.

    Leggiamo pertanto quanto lasciato detto dai piloti.

    I commenti partono dal vincitore della gara: Dani Pedrosa torna alla vittoria dopo uno stop che lo seguiva da Le Mans, interrotto con una grande prestazione, in un momento in cui ormai i giochi sono quasi chiusi per la corsa al titolo: “E’ stata una vittoria davvero speciale per me, un successo che mi rende molto felice; ho guidato molto bene ed è stato bello perché arrivavo da una settimana in cui facevo fatica a muovermi a causa della caduta di Aragon. Vincere qui è stato fantastico e voglio dedicare la mia vittoria a tutta la squadra. Ad Aragon è stata un’occasione persa secondo me perché avevo le stesse probabilità che ho avuto qui in Malesia, ma queste sono le corse e non dobbiamo continuamente guardarci indietro. Dobbiamo lavorare per fare sempre meglio nelle gare che verranno.”

    Marc Marquez chiude il GP di Malesia con un secondo posto; un risultato che può ampiamente permettersi visto il suo margine di vantaggio su Lorenzo e Pedrosa a 3 gare dal termine: “Sono riuscito a prendere 20 punti importantissimi per il campionato e alla fine sono contento di come sia andata questa gara. Io e Lorenzo abbiamo fatto una bella battaglia, ma vedevo Dani scappare nel frattempo, così quando sono riuscito a superare Lorenzo, ormai era troppo rischioso cercare di recuperare il distacco da Pedrosa. L’obiettivo era quello di finire davanti a Lorenzo e ce l’abbiamo fatta, quindi non posso che essere soddisfatto.”

    Jorge Lorenzo chiude alle spalle di Marquez un GP davvero difficile per lui e per Yamaha: “Ho fatto un’altra grande partenza, cercando di spingere al massimo sin da subito, ma dopo due giri ho visto che dal muretto mi segnalavano Pedrosa e Marquez vicinissimi e da li ho capito che non sarei potuto scappare. Ho cercato di contrastare Marquez ingaggiando una bella lotta, ma poi ho commesso un errore e sono andato largo e così ho perso troppo terreno. Il terzo posto è stato il massimo che potevo fare, ma il mondiale ormai è perso e quindi punto a vincere quanto più possibile.”

    Valentino Rossi giunge 4° sul traguardo non lontano dal suo compagno di squadra; una prestazione nel complesso positiva: “Rispetto ai tre davanti mi manca sempre qualcosa; ho avuto problemi con i freni altrimenti credo che sarei potuto arrivare un po’ più vicino a Lorenzo. Dobbiamo lavorare ancora molto. E’ stata una gara decisamente migliore rispetto ad Aragon perché anche se non ho ottenuto il podio, sono riuscito a chiudere molto più vicino a Lorenzo, quindi è stato un segnale positivo, ma dobbiamo fare di più. E’ stato importante essere stato più vicino ai primi piuttosto che a Bautista e Crutchlow. Purtroppo la Honda andava davvero forte, troppo per noi e dobbiamo cercare di risolvere al più presto questo deficit. Dopo la gara ho effettuato un giro con la bandiera del Sic, mi sarebbe piaciuto poterlo fare dopo aver conquistato un podio, ma ho deciso di farlo lo stesso anche se Sepang è una pista che evoca brutti ricordi.”