Valentino Rossi sui test del Mugello: “buon feeling grazie alle prime modifiche”

da , il

    Valentino_Rossi_test_mugello

    AP/LaPresse

    Nei test svoltesi nella giornata di ieri Valentino Rossi e Nicky Hayden hanno lavorato insieme alle rispettive squadre e agli ingegneri Ducati sugli aggiornamenti di ciclistica, che andavano ad agire sul bilanciamento dei pesi, di elettronica e di motore, per migliorare la guidabilità della moto.

    Nonostante un’innoqua scivolata al Correntaio causata da piccolo un problema ad un componente hardware, Valentino Rossi si dice soddisfatto delle novità testate fino a quel momento, che pian piano si stia avvicinando la fine del tunnel per Vale e la Ducati?

    La domanda può venire spontanea se si pensa a un Valentino Rossi che esce soddisfatto da un test dove è incappato in una caduta e per questo ha portato a termine solo una ventina di tornate, e che quindi avrebbe buoni motivi per non esserlo. D’altro canto bisogna anche cosiderare che quelli di ieri erano pur sempre dei test e inoltre non è certo la prima volta che il Dottore si dichiara soddisfatto di alcuni aggiornamenti portati da Ducati ma nonostante questo non si vedono grandi passi avanti in gara.

    Ecco ora le parole del diretto interessato, Valentino Rossi: “Oggi (ieri ndr) avevano qualche cosa da provare soprattutto in ottica futura nel senso che le modifiche sostanziali sulle quali in Ducati stanno lavorando per l’erogazione del motore ancora non erano pronte quindi questo era un primo passo, una gestione intermedia del motore attraverso una nuova centralina. Abbiamo cominciato a provarla questa mattina e le prime sensazioni erano buone, ho fatto subito un buon tempo con una gomma usata. Purtroppo quando sono ripartito, dopo la pausa, la moto si è spenta al Correntaio e sono scivolato. Fortunatamente in quel punto ero molto piegato quindi mi sono solo appoggiato, non è successo niente. Per ragioni di sicurezza abbiamo deciso di fermarci perche gli ingegneri devono analizzare i dati e capire cosa è successo. Poi avevamo delle parti diverse di ciclistica, ma non abbiamo potuto lavorarci molto, visto che abbiamo finito prima. Alla fine purtroppo non è stata una giornata particolarmente fruttuosa però, detto questo, il primo feeling con queste modifiche è stato abbastanza buono”.

    Anche l’ingegnere Filippo Preziosi, papà della GP12, ha rilasciato delle dichiarazioni sul problema riscontrato sulla moto di Rossi e sul piano di lavoro che Ducati ha in programma di seguire: “Questa mattina, con Vale, abbiamo iniziato a provare alcune modifiche della ciclistica, un lavoro fatto in termini di concentrazione delle masse e bilanciamento dei pesi. Nel pomeriggio purtroppo abbiamo avuto un problema hardware in un componente elettronico, che adesso dobbiamo verificare e, dato che la sicurezza è la cosa più importante, abbiamo fermato il suo test. Per questo abbiamo solo la sua prima impressione, ma basandoci su questa, proseguiremo nel nostro programma in modo da portare nel test di Misano ulteriori aggiornamenti. Con Nicky non abbiamo avuto lo stesso problema e abbiamo potuto continuare il lavoro fino alla fine dei test. Nei prossimi tre giorni, con il Test Team, andremo avanti con quanto iniziato dai piloti ufficiali”.