Valentino Rossi sul GP di Laguna Seca: “Honda troppo forte per noi su questa pista”

Il commento di Valentino Rossi dopo la gara di Laguna Seca 2013

da , il

    Il Gran Premio di Laguna Seca 2013 è stato sicuramente un evento che rimarrà per molto tempo impresso nella memoria degli appassionati di questo meraviglioso sport. Una gara certamente condizionata sul piano dell’umore di molti piloti che, al loro risveglio in America, hanno dovuto apprendere la notizia della scomparsa del loro collega Andrea Antonelli, coinvolto in un incidente durante le prime fasi della gara della Supersport a Mosca. Il motociclismo è anche questo però… uno sport meraviglioso che coinvolge milioni di appassionati e una vita sacrificata alla propria passione, non è mai una vita vuota, pur breve che sia. I piloti lo sanno bene, hanno un cuore e sono persone sopra ogni cosa, così, sulla pista di Laguna Seca dedicano in mondovisione il loro minuto di raccoglimento ad Andrea Antonelli e scendono in pista consapevoli che una volta abbassata la visiera, non dovranno nutrire paure o sentimenti e dopo l’inno americano intonato dalla chitarra del grande Joe Satriani, si posizionano sullo schieramento di partenza, carichi per questa gara, ma con una ferita nell’animo che in onore dello spettacolo deve rimarginarsi prima che il semaforo spenga le sue luci.

    C’è poco da aggiungere alla gara di ieri… tutti quanti abbiamo potuto assistere allo strapotere Honda su questa pista; una superiorità ampliata ulteriormente dal grande talento di Marc Marquez che mette in mostra sul tracciato californiano a partire già dalle prove libere. Valentino Rossi lo sa, è consapevole che la sua M1 non può contrastare l’armata di Tokyo sotto il cielo della California, così cerca di mietere quanto più possible in una gara che alla fine si dimostrerà tutt’altro che semplice per tutte le moto della casa di Iwata. Valentino Rossi non ha mai raccolto dei grandi risultati su questa pista (a parte il 2008) e questo podio è sicuramente uno dei migliori risultati stagionali.

    Ecco il commento del pilota marchigiano: “Abbiamo dovuto lavorare molto in questo week-end per cercare di tenere il passo delle Honda che qui erano velocissime. Abbiamo provato diverse cose per riuscire ad essere abbastanza veloci, in modo da poter avere un passo che mi consentisse di finire la gara con dei buoni tempi. Alla fine abbiamo chiuso la gara non molto lontano da Stefan Bradl che andava davvero fortissimo. Ho lottato per quasi tutta la gara con Bautista, ma alla fine sono sempre riuscito a stargli davanti; questo è il mio terzo podio consecutivo e sono davvero molto felice e visto che le Honda oggi erano imbattibili, lo sono ancora di più per questo terzo posto. Riguardo al sorpasso di Marc non posso dire altro che oggi era troppo forte, non avrei potuto batterlo in nessun modo; ci saranno altri momenti in questo campionato in cui cercherò (Rossi sorride) di restituirgli il favore!”

    A cura di Alessio Mora