Valentino Rossi sul secondo giorno di test a Sepang: “Buon feeling, sono soddisfatto”

Le MotoGP concludono la loro seconda giornata di test a Sepang, in Malesia, e per il 2013 siamo praticamente alla conclusione dei test pre Campionato

da , il

    Valentino Rossi test sepang 2013 quinto giorno

    Secondo giorno di test per la classe regina del motomondiale, la MotoGP, giornata che ha visto un cambiamento nelle prime posizioni, con Jorge Lorenzo che stampa un 2’00.282, seguito dal dominatore (sul giro secco) degli ultimi giorni e dei precedenti test, Daniel Pedrosa, a 369 millesimi dal capoclassifica. Al terzo posto la prima Yamaha privata, quella di Cal Crutchlow, che sta dimostrando che può lottare per le posizioni al vertice. Vediamo cosa dicono i piloti alla fine di questa giornata.

    Dopo 55 tornate, Daniel Pedrosa, Honda Repsol Factory Team, dice:“Oggi abbiamo speso tanto tempo in pista, ma sono soddisfatto. Ci siamo concentrati su prove comparative di messa a punto, specie per quanto concerne i settaggi delle sospensioni. Penso sia stata una giornata davvero impegnativa per le alte temperature e la necessità di far tanti kilometri, ma nonostante tutto siamo riusciti a completare gran parte del lavoro definito dalla squadra. Sono contento, domani cercheremo di ripeterci e chiuder al meglio questi test a Sepang

    Jorge Lorenzo, Yamaha Monster Factory Team, già pensa a domani:“E’ stata una buona giornata di prove, rispetto a ieri le condizioni della pista erano migliori e questo ci ha permesso di viaggiare subito su ottimi tempi. Sin dalla prima uscita sono stato molto veloce, ho girato 1″5 meglio di ieri e penso di aver battuto il mio record sul giro qui in Malesia. Con la squadra abbiamo migliorato la messa a punto della moto e mi sono trovato decisamente meglio rispetto ai primi test del 2013 sempre qui a Sepang. Sono abbastanza soddisfatto, spero domani che le condizioni climatiche siano buone perchè abbiamo in programma una simulazione di gara da 24 giri per verificare la tenuta delle gomme su questa distanza

    Marc Marquez, Honda Repsol Factory Team, preferisce la quantità alla qualità e dopo 350km di moto ci dice:“E’ stata una giornata impegnativa, ma allo stesso tempo positiva per me e tutta la squadra. Oggi ho cercato di trasmettere ai tecnici HRC dati, sensazioni ed informazioni su vari aspetti della moto. Per un pilota è un lavoro un pò difficile, ma fondamentale per lo sviluppo della moto e trovare una strada da seguire per il futuro. Per questo ho completato più di 60 giri e sono soddisfatto dei riferimenti trovati. Domani continueremo con lo stesso programma di lavoro, analizzeremo in serata i dati raccolti cercando di trovare qualcosa in più per migliorare complessivamente il rendimento della moto ed i tempi sul giro

    Sentiamo anche le parole di Valentino Rossi, Yamaha Monster Factory Team:Oggi è stata una giornata impegnativa, ma sono soddisfatto perchè il feeling è abbastanza buono. Ho completato più di 60 giri perchè avevamo tanto lavoro da fare. Purtroppo questa mattina abbiamo perso ancora del tempo per un problema elettrico, ma nel pomeriggio siamo riusciti a fare tanti giri con lo stesso set di pneumatici cercando più grip e trazione al posteriore. Abbiamo individuato una strada da seguire e diverse soluzioni interessanti, ma non siamo ancora al 100 % al riguardo. Domani cercheremo di trovare più grip senza compromettere l’equilibrio generale della moto che resta il suo punto di forza

    E chiudiamo con il commento di Andrea Dovizioso, Ducati Tim Factory Team:“Quello di oggi è stato il miglior giorno per il lavoro che siamo riusciti a fare, sia per quanto riguarda la quantità che per le informazioni che abbiamo raccolto. Abbiamo fatto tante prove di set up e geometria e alcuni cambiamenti hanno migliorato la confidenza con la moto, permettendomi di forzare di più in frenata e percorrenza. E’ stato positivo, soprattutto ho provato tanto e con cambiamenti grossi per capire la direzione da prendere. I tempi non sono nulla di speciale, ma neppure così male. Anche con la gomma usata non sono saliti troppo