Valentino Rossi sulla gara di Le Mans: “Se ho il passo giusto, ci provo sempre”

Valentino Rossi commenta il primo podio con la Ducati della MotoGP 2012 sul circuito internazionale di Le Mans

da , il

    MotoGP Le Mans, la Gara

    Il pilota della Ducati, Valentino Rossi si trasforma sotto la pioggia del circuito francese e chiude con un secondo posto il Gran Premio di Francia, quarta prova della MotoGP 2012, corsa sul circuito internazionale di Le Mans. Il Dottore sfrutta la competitività della sua Desmosedici GP12, rispetto alle condizioni normali di asciutto. Alla fine la seconda piazza è una sorpresa anche per lui: “E’ stata una gara bellissima, è un risultato importantissimo che arriva dopo tanto tempo e mi fa piacere per me e per la squadra che lavora tanto ed una gara così fa morale”.

    Rossi torna nelle posizioni davanti e ritorna in pista anche la bagarre: il pesarese conquista il secondo posto del GP di Le Mans dopo una gara corsa in condizioni di asfalto bagnato e dove il Dottore e la Desmo si trovano più a loro agio. Anche lo stesso Valentino ammette un feeling trovato con la moto in assetto rain: “Mi sono divertito, sotto l’acqua sapevo che andavo bene, sin dall’inizio ero dietro a Stoner, poi però si è appannata la visiera del casco e per aprirlo e far entrare aria ho perso tempo. Comunque una volta che vedevo di nuovo bene ho spinto per raggiungere le Tech3″.

    Prima il duello con le due Yamaha del Team Tech 3 e subito dopo, ad una manciata di giri dalla fine in duello old style con la Honda di Stoner. Il nove volte campione del mondo riassaggia il podio ad un anno dall’ultima volta, sempre a Le Mans, dove nel 2011 chiuse terzo: “Alla fine la pista andava asciugandosi e avevo un gran passo perciò ho spinto e ho fatto secondo. Ho fatto una bellissima gara, io quando ho il passo ci provo di sicuro e negli ultimi giri faccio sempre qualcosa. Noi abbiamo generalmente problemi di sottosterzo perciò ho bisogno di più spazio per fare le curve, però con le condizioni di oggi potevo scaricare a terra i cavalli del motore e quindi soffrivo al sottosterzo dando il gas”.

    E sul futuro delle prossime gare e su quello legato al motomercato, Valentino preferisce non sbilanciarsi, consapevole della scarsa competitività della Rossa sull’asciutto: “Giovedì andremo al Mugello per togliere qualche decimino e avvicinarci. Sarà un test molto importante: a parte il motore che ora è troppo cattivo, perdiamo tempo anche nella sua gestione elettronica. Comunque proveremmo solo piccole modifiche per il motore e poi faremo prove di ciclistica. L’obiettivo è avvicinare i due del Tech3, mentre per l’anno prossimo vedremo, ora come ora penso solo a rendere competitiva la Ducati anche sull’asciutto”.