Valentino Rossi sulle qualifiche di Aragon 2012: “Turno difficile, ma terza fila va bene”

Rossi commenta il settimo tempo ottenuto nelle qualifiche ufficiali della MotoGP 2012 sul circuito di Aragon

da , il

    Valentino Rossi

    Il pilota italiano della Ducati, Valentino Rossi commenta con discreto entusiasmo il settimo tempo ottenuto nelle qualifiche ufficiali dell’appuntamento della MotoGP 2012 che sta andando in scena sul circuito internazionale di Aragon. Il pesarese della Desmosedici conta di trovare un buon passo di gara: “Per la corsa di domani dobbiamo scegliere un buon setting. Speriamo che la pista sia asciutta sin dal warm-up e a quel punto vedremo che tipo di passo avremo”.

    Il nove volte campione del mondo del Motomondiale, Rossi commenta in maniera relativamente soddisfatta il settimo tempo ottenuto nelle qualifiche di Aragon, turno che ha visto il suo futuro compagno di squadra in Yamaha, Jorge Lorenzo, conquistare la sua quinta pole stagionale.

    Il pilota della Rossa di Borgo Panigale voleva sicuramente dare un seguito alle buone sensazioni e risultati che aveva ottenuto nell’ultima gara del Motomondiale 2012 a Misano. Purtroppo, il pesarese ha preso oltre un secondo di ritardo dal poleman, praticamente il solito gap che è ormai abituato a subire, telaio e forcellone nuovo compresi: “Il turno è stato difficile, anche se dopo 3 step abbastanza complicati, alla fine è andata abbastanza bene, soprattutto considerato che gli altri team hanno provato qui durante i test. La terza fila va bene anche se sono scivolato. Certo non è il massimo”.

    Prima di concludere il suo intervento davanti alle telecamere, Rossi parla delle novità tecniche introdotte recentemente sulla Rossa di Borgo Panigale: “Il nuovo forcellone va bene è un piccolo miglioaramento, ma veramente è il telaio a fare la differenza. Comunque, anche in passato qui non mi sono mai trovato a mio agio, in una pista dove si scivola parecchio…praticamente l’esatto contrario di Misarno. Anche in passato non ero andato al top. La gomma dura mi piace, ma ci vuole davvero molto caldo per usarla, per cui sarà difficile”.